Olaf Schulz è in crisi quando la sinistra fa causa al governo per la debacle del Congresso palestinese Il mondo | Notizia

Gli estremisti di sinistra hanno intentato una causa contro il cancelliere tedesco, accusando il leader del Partito socialdemocratico di “atroci” violazioni dello stato di diritto.

Con un severo rimprovero, hanno accusato Olaf Scholz di dichiarare guerra alla democrazia liberale e di adottare le pratiche autoritarie del presidente ungherese Viktor Orbán.

La controversia è incentrata sulla decisione di Berlino dello scorso aprile di imporre un divieto politico all'ex ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis.

Il greco della sinistra radicale avrebbe dovuto intervenire alla conferenza palestinese di tre giorni nella capitale tedesca per discutere della crisi di Gaza.

Tuttavia, la polizia ha boicottato la manifestazione il primo giorno, impedendo al signor Varoufakis di tenere il suo discorso.

Le autorità hanno tagliato l'elettricità alla sala conferenze e cancellato gli ultimi due giorni della conferenza, che avrebbe dovuto gettare uno sguardo critico sul sostegno militare tedesco alla guerra di Israele a Gaza.

Il ministero dell’Interno ha successivamente imposto a Varoufakis una legge “Betätigungsverbot”, che gli proibisce di recarsi in Germania o anche di tenere discorsi online durante le manifestazioni all’interno del paese.

L'ex ministro delle Finanze greco e i suoi sostenitori hanno accusato Berlino di scivolare “inesorabilmente verso il totalitarismo” e si rivolgeranno al tribunale per cercare di revocare il divieto.

In una dichiarazione arrabbiata rilasciata dal ramo tedesco della sua organizzazione politica MeRA25, i radicali di sinistra hanno affermato: “Le pratiche autoritarie di Viktor Orban e Kyriakos Mitsotakis sono adottate così liberamente nei bastioni della democrazia liberale che le autorità ora si sentono libere non solo violarli”. Libertà fondamentali, ma eccedenti il ​​diritto dei cittadini di sapere chi ha deciso di vietarle, quando e con quale giustificazione.

READ  Raid russo in un magazzino postale in Ucraina uccide 6 persone

“Alla luce di questa evidente violazione del diritto tedesco ed europeo… Varoufakis ha citato in giudizio le autorità tedesche per violazione dei suoi diritti fondamentali e diffamazione, manifestando l'intenzione di ricorrere, se necessario, ai tribunali europei.

Invocando la “sicurezza nazionale” per giustificare la loro scivolata verso il totalitarismo e per sostenere pienamente il diritto di Israele di commettere crimini di guerra contro il popolo palestinese senza preoccuparsi di critiche o proteste, le autorità tedesche hanno, in sostanza, abolito sia il governo tedesco di legge e il principio più importante dell’Unione europea: la libertà di movimento dei cittadini e il diritto di partecipare all’attività politica in ogni angolo dell’Unione europea.

In una conclusione entusiasmante, hanno invitato i cittadini europei a sollevarsi e a lottare contro “l’invocazione arbitraria, totalitaria e brutale della “sicurezza nazionale” per abolire i diritti politici fondamentali”.

Il Fronte Europeo di Disobbedienza Realista (MeRA 25) è stato fondato da Varoufakis nel 2018 e ha promesso un cambiamento radicale dello status quo politico.

Sul loro sito web, affermano di sostenere “la sicurezza sociale e il Green New Deal, la vera democrazia, la giustizia globale e un’Europa libera e aperta”.

Varoufakis è diventato famoso per la sua campagna Remain durante il referendum sulla Brexit ed è diventato un volto familiare nei media britannici.

In seguito ha ammesso che la Brexit “potrebbe essere stata la strada giusta per la Gran Bretagna” e ha criticato i Remainers per aver persistito nei loro tentativi di ribaltare il risultato del referendum.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *