Cosa sai delle infezioni fungine rare?

Un gruppo di rare infezioni fungine è stato trovato in due gatti domestici e in un veterinario che li aveva in cura, hanno detto mercoledì i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie in un rapporto pubblicato sulla rivista Emerging Infectious Diseases.

I tre casi – verificatisi tra la fine del 2022 e l’inizio del 2023 – sono stati causati da un fungo chiamato Sporothrix schenckii..

Il rapporto arriva mentre i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie monitorano la diffusione di un’infezione fungina simile, anche nei gatti, in Sud America. Questa infezione è diffusa da un fungo correlato chiamato Sporothrix brasiliensis che non è stato scoperto negli Stati Uniti.

La sporotricosi, la malattia causata dall’infezione da Sporothrix, è rara negli Stati Uniti, ma non inaudita. Viene generalmente contratta attraverso il contatto con piante appuntite che possono perforare la pelle, come le spine delle rose, motivo per cui si è guadagnata il soprannome di “malattia del giardiniere delle rose”. La sporotricosi tende a causare un'infezione della pelle che guarisce molto lentamente, ma non è contagiosa. Lo riferisce il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Quando i gatti vengono infettati, trasportano una carica fungina molto elevata, il che significa che le loro ferite sono più a rischio di diffondere l’infezione ad altri gatti, cani e persone, ha affermato Ian Hennessy, ufficiale dell’intelligence epidemiologica del CDC e autore principale. Dal rapporto.

“Hanno queste orribili lesioni sui loro volti, nelle cavità nasali, sui piedi, e queste lesioni sono piene di questo fungo”, ha detto Hennessy.

In genere, i tassi di infezione non raggiungono un livello tale da suscitare preoccupazione tra i funzionari della sanità pubblica.

READ  SpaceX lancia i satelliti Starlink nell'orbita terrestre bassa

“L'unico motivo per cui questo caso particolare è stato portato all'attenzione del Dipartimento della Salute è stato a causa dell'intervento umano”, ha affermato la dottoressa Erin Petro, veterinaria statale di sanità pubblica presso il Dipartimento di salute e ambiente del Kansas a Topeka. “Ciò ha suscitato il nostro interesse.”

Il primo caso riguardava un gatto che viveva in casa o all'aperto con una ferita sulla zampa che non guariva con gli antibiotici. Ho diffuso l'infezione a un tecnico veterinario grattando, forando il guanto del tecnico e la pelle sottostante. Diversi mesi dopo, un secondo gatto della stessa famiglia si ammalò.

Né il primo gatto né il veterinario hanno diagnosticato immediatamente l’infezione fungina, il che ha ritardato la rapidità con cui potevano essere somministrati i farmaci antifungini. Il veterinario le ha somministrato un antifungino per otto mesi e l'infezione si è risolta. Anche il primo gatto ha ricevuto un antifungino, ma alla fine si è ammalato e i suoi proprietari l'hanno soppressa. Il secondo gatto è stato curato più velocemente e si è ripreso.

“La buona notizia è che queste infezioni fungine sono curabili e i gatti possono essere curati se diagnosticati precocemente”, ha affermato il dottor Arturo Casadevall, microbiologo e capo della divisione di microbiologia molecolare e immunologia presso la Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health di Baltimora. . , che non era coinvolto nella relazione.

Ma ha aggiunto: “Queste infezioni richiedono molto tempo per migliorare”.

Il Dipartimento della Salute e dell’Ambiente del Kansas sospetta che ci sia almeno un altro gatto infetto nella proprietà, un gatto selvatico con lesioni facciali che è morto nella proprietà ma non è stato testato.

READ  Un astrofotografo finlandese trascorre 1.000 ore in un periodo di 12 anni creando un mosaico della Via Lattea

Sporothrix in Brasile

La maggior parte delle infezioni nei gatti, e talvolta nei cani, finiscono come la storia del secondo gatto: “Vengono curati e il problema scompare”, ha detto Petro.

Inoltre, l’infezione da S. schenckii viene raramente diffusa dai gatti.

Questo non è il caso del Sud America, dove S. La specie brasiliana è molto più contagiosa.

Questo tipo si diffonde rapidamente tra i gatti ed è noto che infetta persone che sono state semplicemente in prossimità di gatti infetti, ma non sono entrate in contatto con alcuna ferita. Secondo Hennessy, questi casi potrebbero essere dovuti alla presenza di funghi sulle superfici e alla persona che toccava quelle superfici e poi i suoi occhi o il naso, ma questo non è chiaro.

Il fungo è stato scoperto nel sud-est del Brasile, ma da allora si è diffuso in altri paesi del Sud America. Dal 1998 al 2016 sono stati segnalati più di 4.500 casi umani di infezione da gatto. Lo dice il CDC.

I casi verificatisi in Kansas hanno sollevato preoccupazioni sul fatto che il colpevole fosse S. braziliensis, ma i test hanno rivelato che si trattava dell’altra specie.

“Non stiamo lanciando l'allarme sul fatto che Sporothrix schenckii sia preoccupante quasi quanto Sporothrix brasiliensis”, ha detto Hennessy.

“Sappiamo che è possibile che un giorno vedremo casi di Sporothrix brasiliensis negli Stati Uniti”, ha detto. “Vogliamo sensibilizzare le persone senza preoccupare”.

Petro prevede che ogni anno si verificheranno molti casi di infezioni fungine che passeranno inosservati, sia perché l'infezione fungina non viene segnalata, sia perché non viene diagnosticata.

La maggior parte delle infezioni fungine negli Stati Uniti non sono segnalabili, il che significa che il CDC non tiene traccia del numero di casi presenti. Tra questi c'è la sporotricosi.

READ  Ecco dove va il grasso quando si perde peso

“C'è un grosso problema con le malattie fungine, ma tendono a passare inosservate”, ha detto Casadevall.

Hennessy ha affermato che il rapporto mira a sensibilizzare i veterinari e i proprietari di animali domestici in modo che i casi di sporotricosi possano essere rilevati prima che si diffondano tra i gatti o siano trasmessi alle persone. Ma si ritiene ancora che le infezioni siano rare e non gravi negli Stati Uniti

“Se hai un gatto che vive all'aperto e ha una lesione che non è guarita, dovresti almeno chiedere al tuo veterinario se potrebbe essere un fungo”, ha detto Casadevall. “Devi pensarci.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *