I sauropodi avevano cuscinetti morbidi per i piedi per aiutare a sostenere il loro enorme peso

Ingrandisci / Una costruzione tridimensionale di un dinosauro sauropode ha rivelato che i suoi piedi posteriori avevano un cuscino di tessuto molle sotto il “tallone”, che rallentava il piede per assorbire l’enorme peso degli animali.

Andreas Janel

Chiedi alle persone di pensare a un dinosauro e probabilmente lo chiameranno Tirannosauro Rexl’avversario carnivoro ha avuto un posto di rilievo in Jurassic Park E il mondo giurassico franchise cinematografici. Ma un clade di dinosauro altrettanto famoso è un erbivoro sauropodiChe include Brachiosaurus, Diplodocus, ApatosaurusE il argentinosauroE il Brontosauro. I paleontologi australiani hanno ricostruito digitalmente queste gigantesche creature che si nutrono di piante per raccogliere informazioni su come i loro piedi riescono a sostenere il loro enorme peso, secondo il nuova carta Pubblicato sulla rivista Science Advances.

“Abbiamo finalmente confermato un’idea a lungo messa in discussione e fornito, per la prima volta, prove biomeccaniche che l’ammortizzazione dei tessuti molli, in particolare nei loro piedi posteriori, avrebbe potuto svolgere un ruolo importante nel ridurre lo stress locomotore e lo stress osseo”, Il coautore Andreas Janel ha detto:, che ha lavorato al progetto mentre completava i suoi studi di dottorato presso l’Università del Queensland. “È incredibile immaginare che queste creature giganti possano essere in grado di sopportare il loro peso sulla Terra”.

I sauropodi (nome del clade: Sauropoda, o “piedi di lucertola”) avevano corpi dal collo lungo e una lunga coda che li rendeva gli animali più alti a vagare per la Terra. Avevano zampe posteriori robuste e robuste, piedi simili a putter con cinque dita e avambracci più snelli. I fossili di sauropodi completi sono rari da trovare e anche quelli che sono per lo più completi mancano ancora di teste, punte della coda e arti. Tuttavia, gli scienziati sono stati in grado di imparare molto al riguardo e la ricostruzione digitale si è rivelata un nuovo strumento prezioso per sviluppare ulteriormente le nostre conoscenze.

READ  Le immagini mostrano che il telescopio spaziale James Webb della NASA è stato danneggiato dopo essere stato fracassato da una roccia spaziale

Ad esempio, nel 2013, i ricercatori Ricostruito digitalmente argentinosauro Per testare le capacità di movimento. Le precedenti valutazioni della velocità potenziale di un sauropode si basavano in gran parte sullo studio del tessuto osseo e sulle prove di impronte fossili (in particolare impronte). Lo scheletro digitale ha preso in considerazione la posizione (e gli strati) di muscoli e articolazioni durante il calcolo dell’andatura e della velocità dell’animale. La squadra lo ha concluso argentinosauro Avrebbe avuto una velocità massima di circa 5 mph (2 m/s) a causa delle sue dimensioni e del suo peso.

I sauropodi avrebbero dovuto camminare come elefanti, ma un nuovo metodo di analisi delle impronte mostra che la loro andatura era molto simile a quella di un ippopotamo.

Molti paleontologi ipotizzano che i sauropodi camminassero in modo simile agli elefanti. Ma il Uno studio pubblicato all’inizio di quest’anno Gli scienziati britannici hanno contestato questa ipotesi, sostenendo che la struttura del sauropode era troppo ampia per mantenere l’equilibrio con un’andatura del genere. Hanno basato la loro conclusione su un nuovo metodo di analisi delle impronte digitali che esamina le differenze nei percorsi da una fase all’altra per determinare la tempistica di ciascuna fase. Confronta le tracce del sauropode con le tracce di diversi animali moderni.

L’andatura del sauropode non corrispondeva a nessuno di loro, sebbene l’andatura dell’ippopotamo – un altro animale pesante con le gambe larghe – fosse la più vicina. Per quanto riguarda l’elefante, la sua andatura era in realtà l’opposto di quella di un sauropode. Gli elefanti si muovono lateralmente, ma se i sauropodi camminassero in questo modo, ci sarebbero molte oscillazioni da un lato all’altro per ottenere un movimento stabile. In alternativa, è probabile che i sauropodi camminassero in diagonale, con il piede anteriore che tocca terra prima del piede posteriore opposto. In questo modo, i dinosauri avevano sempre almeno un piede per terra su ciascun lato per la stabilità.

READ  La sorprendente misurazione del bosone W potrebbe riscrivere la fisica delle particelle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.