SpaceX lancerà il razzo Falcon 9 con il 21° volo da record – Spaceflight Now

Il secondo stadio del Falcon 9 di SpaceX crea quello che viene chiamato un effetto “medusa” mentre si muove nel cielo sopra l'Oceano Atlantico con una nave da crociera all'orizzonte. La missione Starlink 6-59 è stata lanciata il 17 maggio 2024. Immagine: Michael Cain/Spaceflight Now

SpaceX ha raggiunto una nuova fase di riutilizzabilità con il suo razzo Falcon 9 con il lancio di Starlink dalla Florida venerdì sera. Il booster del primo stadio, numero di coda B1062, è stato lanciato per la 21a volta record, il primo nella flotta di missili di SpaceX a farlo.

Il lancio della missione Starlink 6-59 ha aggiunto altri 23 satelliti alla crescente costellazione Internet in orbita terrestre bassa ed è stato il 36esimo lancio Starlink dedicato dell'anno da parte dell'azienda.

Dal suo debutto nel novembre 2020, B1062 ha lanciato due satelliti GPS, otto astronauti in due missioni (Inspiration4 e Ax-1) insieme a 13 voli Starlink. Finora ha inviato in orbita 553 carichi utili, comprese le due navicelle spaziali Crew Dragon.

Prima del volo del 17 maggio, è stato lanciato più recentemente circa un mese fa con la missione Starlink 6-49. Come l’ultima volta, circa 8,5 minuti dopo il decollo, il B1062 è atterrato sul drone SpaceX, chiamato “A Shortfall of Gravitas”. Questo è stato il 70esimo atterraggio di booster utilizzando ASOG e il 309esimo atterraggio di booster per il Falcon 9 fino ad oggi.

Secondo le ultime statistiche pubblicate dall'astronomo e esperto di tracciamento orbitale Jonathan McDowell, alla mattina del 17 maggio c'erano un totale di 6.017 satelliti Starlink in orbita e 5.941 in funzione.

Prima del lancio della missione Starlink 6-59, sono stati lanciati in orbita terrestre bassa un totale di 6.436 satelliti, di cui 788 saranno lanciati nel 2024.

Il secondo stadio del Falcon 9 di SpaceX crea quello che viene chiamato un effetto “medusa” mentre si muove nel cielo sopra l'Oceano Atlantico con una nave da crociera all'orizzonte. La missione Starlink 6-59 è stata lanciata il 17 maggio 2024. Immagine: Michael Cain/Spaceflight Now

Sviluppo del volo Starship 4

Mentre SpaceX si preparava a lanciare il Falcon 9 venerdì sera, era anche impegnata nel sud del Texas a lavorare al quarto test di volo integrato del razzo Starship.

READ  Il razzo SpaceX Falcon 9 lancerà 22 satelliti Starlink dalla California - Spaceflight Now

Il razzo alto quasi 400 piedi è stato accatastato sulla piattaforma di lancio della base stellare di SpaceX mercoledì 15 maggio. Il giorno successivo, ha condotto un esercizio di allenamento parziale in cui si è esercitato a caricare metano liquido e ossigeno liquido sul veicolo.

L'autorizzazione al lancio della FAA che consentirà il prossimo test di volo del veicolo è ancora in sospeso, ma l'11 maggio Rispondi a X (precedentemente noto come Twitter), il fondatore di SpaceX Elon Musk ha suggerito che il lancio è “probabilmente a tre o cinque settimane di distanza”.

In È successo Ospitato dalla Harlingen Economic Development Corporation il 14 maggio, il direttore generale di Starbase di SpaceX, Kathy Lueders, ha dichiarato che stanno lavorando per ottenere una licenza entro la fine di maggio o l'inizio di giugno.

“Saremo pronti come sempre. Prepareremo la macchina e il primo giorno in cui otterremo la licenza, voleremo”, ha detto Lueders.

Nel suo discorso ha anche osservato che anche i test dei missili Starship erano iniziati dopo il quarto volo. In risposta ad una domanda del pubblico, ho affrontato una questione riguardante la Nave 31 che era stata catturata Telecamere LabPadreche mostra un lampo pulsante proveniente dal missile.

“Stavamo testando il nostro prossimo round di veicoli, il prossimo round di Starships, e abbiamo avuto un test anomalo che ora stiamo valutando e capendo cosa significhi”, ha detto Leders. “Lavoriamo sempre sui veicoli, ma quando c'è un problema con un veicolo in movimento, vuoi essere sicuro di poter separare la causa di quel problema dal tuo veicolo volante, quindi quello che i team stanno facendo ora è chiedersi se sia esattamente questo lo stesso progetto? C'è una causa? Un altro ci ha separati per essere sicuri di non partecipare a un test di volo perché c'è un problema.”

READ  I cigni del Lago Eola risultano positivi tra i decessi

Sebbene SpaceX non abbia commentato ulteriormente l'anomalia, andando avanti con le prove della muta il 16 maggio, è probabile che abbiano risolto il problema o siano sicuri che non influenzerà la nave 29, che viene utilizzata per IFT-4 .

La nave 29 è impilata sopra il Booster 11 prima di un test del serbatoio del carburante del razzo Starship completamente integrato il 16 maggio 2024. Immagine: SpaceX

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *