Uno studio della Mayo Clinic rivela un trucco nutrizionale per aiutare a prevenire i calcoli renali

Illustrazione di calcoli renali. I ricercatori della Mayo Clinic hanno scoperto che arricchire le diete con cibi ricchi di calcio e potassio può prevenire frequenti calcoli renali sintomatici.

Le diete ricche di calcio e potassio possono aiutare a prevenire la recidiva dei calcoli renali

I calcoli renali non solo possono causare forti dolori, ma sono anche collegati a malattie renali croniche, osteoporosi e malattie cardiovascolari. Se hai avuto un calcolo renale una volta, hai una probabilità del 30% di sviluppare un altro calcolo renale entro cinque anni.

Di solito, i medici prescrivono cambiamenti nella dieta per prevenire la comparsa di calcoli renali con sintomi frequenti. Sfortunatamente, sono disponibili poche ricerche sui cambiamenti nella dieta per coloro che hanno avuto un singolo episodio di formazione di calcoli renali rispetto a coloro che hanno avuto incidenti frequenti.

I calcoli renali sono una sostanza dura, simile a un ciottolo, che può formarsi in uno o entrambi i reni quando l’urina contiene alti livelli di alcuni minerali.

Pertanto, i ricercatori della Mayo Clinic hanno progettato uno studio prospettico per studiare l’effetto dei cambiamenti nella dieta. Secondo i loro risultati, arricchire le diete con cibi ricchi di calcio e potassio può prevenire i calcoli renali con sintomi frequenti.

Lo studio ha coinvolto per la prima volta 411 pazienti con calcoli renali sintomatici e un gruppo di controllo di 384 persone. I fattori dietetici si sono basati su un sondaggio tra i partecipanti, tutti visti alla Mayo Clinic di Rochester e alla Mayo Clinic in Florida tra il 2009 e il 2018. I risultati, che saranno pubblicati oggi (1 agosto) all’indirizzo Procedure Mayo Clinichanno mostrato che un basso contenuto di calcio e potassio nella dieta, così come un basso apporto di liquidi, caffeina e fitati, sono associati a maggiori probabilità di sviluppare calcoli renali per la prima volta.

Tra i pazienti che hanno subito la formazione di calcoli per la prima volta, 73 pazienti hanno manifestato una recidiva di calcoli durante una mediana di 4,1 anni di follow-up. Ulteriori analisi hanno rivelato che bassi livelli di calcio e potassio nella dieta sono predittivi di recidiva.

“Questi risultati dietetici possono essere di particolare importanza perché le raccomandazioni per la prevenzione dei calcoli renali si sono basate principalmente su fattori dietetici associati alla prima formazione di calcoli piuttosto che sulla recidiva”, afferma Andrew Roll, MD, nefrologo della Mayo Clinic e autore senior dello studio . “È probabile che i pazienti non regolino la loro dieta per prevenire i calcoli renali, ma è più probabile che lo facciano se può aiutare a prevenire la loro recidiva”.

Lo studio ha scoperto che un’assunzione di liquidi inferiore a 3.400 millilitri al giorno, o circa nove tazze da 12 once, era associata alla prima formazione di calcoli, insieme all’assunzione di caffeina e fitati. L’assunzione giornaliera di liquidi include il consumo di cibi come frutta e verdura.

Bevi molta acqua se hai un calcolo renale, a meno che il tuo medico non ti dica diversamente.

La diminuzione dell’assunzione di liquidi e caffeina può portare a una diminuzione del volume delle urine e ad un aumento della concentrazione di urina, che contribuisce alla formazione di calcoli. Il fitato è un composto antiossidante che si trova nei cereali integrali, nelle noci e in altri alimenti che possono aumentare l’assorbimento del calcio e l’escrezione di calcio nelle urine.

“Cambiare la dieta per prevenire i calcoli renali può essere molto impegnativo”, afferma il dottor Roll. “Quindi, conoscere i fattori nutrizionali che sono più importanti per prevenire la recidiva di calcoli renali può aiutare i pazienti e gli operatori sanitari a sapere a cosa dare la priorità”.

Api Chewcharat, MD, primo autore dell’articolo e ricercatore post-dottorato della Mayo Clinic al momento dello studio, afferma che un basso contenuto di calcio e potassio nella dieta era un predittore più importante dell’assunzione di liquidi rispetto alla frequente formazione di calcoli renali. Ciò non significa che una grande assunzione di liquidi non sia importante. Non abbiamo trovato benefici per una maggiore assunzione di liquidi tra quei pazienti con una storia di formazione di calcoli renali”.

Lo studio ha concluso che le diete contenenti 1.200 milligrammi di calcio al giorno possono aiutare a prevenire i primi calcoli renali e la loro recidiva. Questa assunzione giornaliera è in linea con Nutrizione giornaliera consigliata dal Dipartimento dell’Agricoltura.

mentre più alto assunzione di potassio Raccomandato inoltre, l’USDA non fornisce una raccomandazione per l’assunzione giornaliera di potassio. Lo studio inoltre non raccomanda un livello di assunzione.

Il punto, dice il dottor Chewcharat, è che i pazienti dovrebbero aggiungere più frutta e verdura ad alto contenuto di calcio e potassio alla loro dieta. I frutti ad alto contenuto di potassio includono banane, arance, pompelmi, melone, anguria e albicocche. Le verdure includono patate, funghi, piselli, cetrioli e zucchine.

Riferimento: “Fattori di rischio alimentare per calcoli renali ricorrenti e ricorrenti” 1 agosto 2022, disponibile qui. Procedure Mayo Clinic.
DOI: 10.1016 / j.mayocp.2022.04.016

Coautori con il Dott. Rule e Chewcharat sono Charat Thongprayoon, MD; Lisa Vaughan, Ramila Mehta, Philip Schulte, Ph.D.; Helen O’Connor e John Lesky, MD, entrambi della Mayo Clinic, e Erin Taylor, MD, del VA Maine Healthcare System. Il dottor Schulte denuncia le accuse personali da OxThera Inc. al di fuori dello scopo del lavoro in questo studio. Il Dr. Lieske riferisce su sovvenzioni e/o altre tasse da parte di aziende farmaceutiche e correlate identificate nell’articolo, tutte al di fuori di questo studio e tutte pagate alla Mayo Clinic. Gli altri autori del rapporto non hanno interessi in competizione.

READ  Osiris Rex lascia per sempre l'asteroide Bennu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.