Il controllo russo su Kherson si indebolisce quando cede la riva occidentale del Dnipro

L’esercito russo iniziò ad abbandonare la sponda occidentale del fiume Dnipro, una ritirata che poteva cedere il controllo Città di Kherson per le forze ucraine.

L’esercito ucraino ha affermato che le forze russe stavano usando chiatte per trasportare attrezzature attraverso il fiume Dnipro e avevano schierato 2.000 soldati per coprire il loro ritiro.

“Il nemico sta effettuando azioni difensive, cercando di impossessarsi delle linee occupate, e sta attivamente spostando attrezzature, armi e persino unità dalla riva destra del fiume Dnipro a sinistra”, ha aggiunto.

Questa valutazione è stata supportata dall’Istituto per lo studio della guerra con sede negli Stati Uniti e dal Ministero della Difesa del Regno Unito.

Si aspettavano che la Russia iniziasse a ritirarsi dall’altra parte del fiume poiché diventava molto difficile rifornire le sue forze in Cisgiordania. Anche il comandante russo, il generale Sergei Surovkin, ha affermato che la situazione è “davvero difficile”.

Il ministero della Difesa britannico ha affermato che l’artiglieria ucraina ha colpito i ponti sul fiume Dnipro, danneggiando le linee di rifornimento e costringendo le forze russe a una ritirata a disagio utilizzando ponti di chiatte.

“Sebbene l’uso di ponti di chiatte pesanti fosse quasi certamente incluso nella pianificazione dell’era sovietica per le operazioni in Europa, questa è probabilmente la prima volta che l’esercito russo ha avuto bisogno di utilizzare questo tipo di ponte da decenni”, ha aggiunto.

Kherson è un obiettivo prioritario dell’esercito ucraino.

READ  Il senatore Ron Johnson ha registrato che Donald Trump ha perso il Wisconsin perché 51.000 repubblicani non hanno votato per lui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.