Lo stato della fatturazione elettronica e il futuro della compliance in tempo reale

Negli ultimi anni, la fatturazione elettronica per adempimenti fiscali è diventata prevalente in tutto il mondo, in particolare in Europa, America Latina e parti dell’Asia. In effetti, più di 60 paesi impongono una qualche forma di obbligo di fatturazione elettronica.

In ogni paese, le politiche di fatturazione elettronica impongono l’invio digitale di determinati documenti in casi specifici, ma oltre a ciò, sono diverse. Esistono molti componenti diversi delle fatture elettroniche a seconda del paese, incluso chi può inviare la fattura, chi può approvarla, requisiti di conservazione dei registri e altro ancora. E mentre le fatture elettroniche non sono entrate nel sistema fiscale statunitense, le società statunitensi coinvolte nella nostra economia globale saranno inevitabilmente colpite.

Cosa sai delle bollette elettroniche oggi

La fattura elettronica non è nuova: esiste da decenni come forma di fatturazione elettronica tra fornitore e acquirente. Tuttavia, i governi che impongono l’uso delle fatture elettroniche per le aziende che operano nella loro giurisdizione sono relativamente nuovi e continuano ad evolversi.

Oggi i governi utilizzano due metodi di fatturazione elettronica: l’approccio di liquidazione e l’approccio post-audit. Sebbene ognuno di essi abbia delle somiglianze, c’è ancora una grande differenza tra i due approcci.

Con l’approccio di liquidazione, le fatture scorrono tra il fornitore, il funzionario fiscale e l’acquirente e sono soggette a controllo in tempo reale da parte delle autorità fiscali. Attraverso questo processo, l’IRS esamina ogni fattura inviata dal fornitore e ha la possibilità di rifiutarla se qualcosa non è corretto, causando la sospensione o l’interruzione delle transazioni. Variazioni di questo approccio sono preferite dai paesi delle Americhe ma possono essere trovate altrove in altri paesi come l’India e l’Italia.

READ  Un tribunale italiano respinge il tentativo illecito di Mediaset c. Vivendi nel caso Pay TV

Il Messico è un esempio di paese che utilizza un approccio di epurazione. Secondo la legge messicana, un agente autorizzato dal governo deve approvare una fattura prima che vada all’acquirente. Se una fattura viene approvata, l’IRS aggiunge una firma digitale e restituisce la fattura firmata al fornitore, che può quindi inviarla al cliente.

Al contrario, le autorità fiscali con un approccio post-audit non sono direttamente coinvolte nella transazione e non hanno bisogno di approvare una fattura per trasmetterla al cliente. La Spagna, ad esempio, utilizza un approccio post-audit. Secondo il Suministro Inmediato de Información, le società con un reddito annuo superiore a 6 milioni di euro devono segnalare i dati delle transazioni all’Agencia Estatal de Administración Tributaria – l’agenzia dell’amministrazione fiscale spagnola – entro quattro giorni dall’emissione o dalla ricezione di una fattura.

In entrambi gli approcci, le aziende possono essere influenzate dall’interruzione o dalla verifica delle loro transazioni. E poiché la fatturazione elettronica crea un ulteriore livello di verifica, ottenere un’imposta errata può portare a transazioni ritardate e a una scarsa esperienza del cliente. In definitiva, indipendentemente dall’approccio utilizzato, gli standard di fatturazione elettronica variano ampiamente e introducono ulteriore complessità per le aziende che devono essere conformi in più giurisdizioni.

Cosa sapere in futuro sulla conformità in tempo reale

Guardando oltre gli odierni mandati di fatturazione elettronica, c’è un’altra ondata di digitalizzazione fiscale a cui le imprese statunitensi devono essere preparate: la conformità in tempo reale. Sebbene questo concetto sia un po’ inverosimile, combina il concetto di fatturazione elettronica e reportistica in tempo reale non solo per trasmettere i dettagli delle transazioni in tempo reale, ma anche per convertire il denaro delle tasse effettive in tempo reale.

READ  Barilla amplia il portafoglio pasta attraverso acquisizioni | 2021-02-02

Oggi molti paesi, tra cui Brasile, Cile e Messico, hanno severi requisiti di dichiarazione dei redditi. In Italia, ad esempio, tutte le società residenti devono inviare fatture dirette per transazioni B2B, transazioni B2C locali e transazioni B2G alla piattaforma di fatturazione elettronica italiana.

Le implicazioni fiscali associate al futuro della conformità in tempo reale superano quelle delle normative più rigorose odierne. Non solo i dettagli della fattura verranno inviati automaticamente per l’approvazione, le aziende, i processori di pagamento e altri coinvolti al momento della transazione devono anche inviare digitalmente l’imposta dovuta all’IRS una volta approvata la fattura.

Poiché il tempo tra la transazione e i trasferimenti fiscali si riduce con la conformità in tempo reale, la necessità di tecnologia al centro delle transazioni fiscali aumenterà solo.

Il futuro della compliance fiscale a livello globale è prima digitale. Anche se è improbabile che le società statunitensi in questo momento incontreranno questi mandati a livello nazionale, dovranno prepararsi se vogliono avere successo nell’economia internazionale. Allo stesso modo, mentre ci avviciniamo a un mondo guidato dalla conformità in tempo reale, possiamo aspettarci che aziende, governi e soluzioni di pagamento investano in tecnologia che consentirà lo scambio di dati di fatturazione e denaro fiscale al momento di una transazione.

Questo articolo non riflette necessariamente l’opinione di The Bureau of National Affairs, Inc. , Bloomberg Publisher Le Bloomberg e Bloomberg Tax, o i rispettivi proprietari.

Informazioni sull’autore

Liz Armbroster È il vicepresidente senior delle operazioni di conformità globale di Avalara.

Ci piacerebbe sentire il tuo articolo intelligente e originale: Scrivici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.