La scoperta dei dinosauri suggerisce perché il T-rex avesse le armi leggere

Ricostruzione artistica di Meraxes gigas

Un team di scienziati in Argentina afferma di aver scoperto un nuovo gigantesco dinosauro predatore con una testa enorme, ma braccia piccole per le sue dimensioni.

Scrivendo sulla rivista Current Biology, Gli scienziati affermano che grandi resti scheletrici di una specie precedentemente sconosciuta sono stati scavati nella Patagonia settentrionale.

Meraxes gigas era lungo circa 36 piedi (11 m), con un cranio di 4 piedi, ma le sue braccia erano lunghe solo 2 piedi.

Gli scienziati ritengono che i piccoli arti abbiano dato ai carnivori un vantaggio in termini di sopravvivenza.

“Sono convinto che quelle braccia relativamente piccole abbiano una sorta di funzione. Lo scheletro mostra muscoli grandi e pettorali completamente sviluppati, quindi il braccio aveva muscoli forti”, ha detto Juan Canal, autore principale dello studio.

“Potrebbero aver usato le braccia per comportamenti riproduttivi come tenere la femmina durante l’accoppiamento o sostenersi per stare indietro dopo una pausa o una caduta”, ha aggiunto.

Il coautore Peter Makovsky ha detto che le braccia del dinosauro erano “letteralmente lunghe la metà del cranio e l’animale non sarebbe stato in grado di entrare nella sua bocca”.

Makovicki ha affermato di ritenere che le grandi teste della specie fossero il principale strumento predatore, svolgendo funzioni che le armi avrebbero svolto in specie più piccole.

Il paleontologo Peter Makovicki studia i fossili di dinosauri in un sito di scavi nella Patagonia settentrionale, in Argentina

Peter Makovicki dice che le braccia del dinosauro erano “letteralmente la metà della lunghezza del cranio”

Meraxes gigas, che prende il nome da un drago immaginario della serie di libri Il Trono di Spade, appartiene ai carcharodontosauridi, o lucertole dai denti di squalo.

Si ritiene che il rettile di quattro tonnellate abbia vagato per la Terra circa 90-100 milioni di anni fa.

READ  La NASA indaga sul malfunzionamento della fotocamera del telescopio spaziale James Webb

Gli scienziati affermano che anche altre due specie – tirannosauri e abelisauridi – hanno sviluppato armi leggere per ragioni simili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.