Il Cavaliere Oscuro sale e finisce, spiegando: Batman finisce

In “The Dark Knight Rises”, sono trascorsi otto anni dagli eventi de “Il cavaliere oscuro”, in cui il Joker (Heath Ledger) fa saltare Gotham City a metà strada verso l’inferno e trasforma il procuratore generale Harvey Dent (Aaron Eckhart) in killer a due facce. Per mantenere pieni di speranza i residenti di Gotham, Batman (Christian Bale) e il commissario di polizia di Gotham Jim Gordon (Gary Oldman) accettano di insabbiare gli omicidi bifronti di Harvey. Invece, Batman ha preso l’involucro e si è nascosto.

Gravemente ferito dalle sue varie notti a combattere il crimine, anche Bruce Wayne è nascosto, vagando per la sua buia dimora nei panni di Charles Foster Kane. Ma Batman non ha il lusso di rimanere in pensione a lungo. Perché Bane, un mercenario mascherato con una voce sciocca (interpretato dal grande Tom Hardy) è arrivato in città con un ordigno nucleare. Bane alla fine fece saltare in aria tutti i ponti per Gotham e tenne la città in ostaggio. Afferma di essere venuto a Gotham come editore, ma ovviamente sappiamo tutti che è una sciocchezza. Ma alcuni residenti di Gotham sono d’accordo con il messaggio di Bane, in particolare l’intera idea di “mangiare i ricchi”, che, è vero, è un piano abbastanza buono.

Nel frattempo, Batman si intreccia con due donne diverse. C’è la ricca Miranda Tate (Marion Cotillard), e poi c’è la ladra di gatti Selina Kyle, alias Catwoman (Anne Hathaway). Bruce fa amicizia anche con il poliziotto locale John Blake (Joseph Gordon-Levitt), che ha concluso correttamente che Bruce Wayne è davvero Batman.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.