La regione italiana dell’Emilia-Romagna supporta un terminale galleggiante di GNL a Ravenna

MILANO (Reuters) – La regione Emilia-Romagna ha annunciato lunedì di aver approvato un nuovo progetto di terminale galleggiante di gas naturale liquefatto (GNL) al largo di Ravenna nell’alto Adriatico, nell’ambito degli sforzi più ampi del Paese per compensare la diminuzione delle forniture di gas russo . .

Quasi 1 miliardo di euro (998 milioni di dollari) in totale sarà investito nel progetto, ha detto in conferenza stampa Vincenzo Cola, membro del Consiglio per lo sviluppo economico dell’Emilia-Romagna. Ci sono voluti solo quattro mesi per ottenere l’approvazione, piuttosto che anni per progetti simili in passato.

Nell’ambito della sua strategia energetica, l’Italia aggiunge due unità di stoccaggio galleggiante e di rigassificazione gas-gas (FSRU) ai suoi tre impianti esistenti. Uno sarà al largo di Ravenna e l’altro attraccherà nel porto toscano di Piombino sull’altra costa.

I due nuovi terminali GNL, che saranno gestiti dalla società italiana di rete del gas a controllo statale Sanam (SRG.MI)ciascuno con una capacità di 5 miliardi di metri cubi, che copre circa il 15% del consumo nazionale annuo di gas.

Sanam a luglio ha firmato un accordo da 400 milioni di dollari con BW LNG per l’acquisto della FRSU che sarà utilizzata su Ravenna, la nave da 300 metri di BW Singapore.

L’amministratore delegato di Sanam, Stefano Venier, ha dichiarato lunedì che i preparativi continueranno per due anni e che il terminal GNL di Rafina dovrebbe iniziare le operazioni nell’ultimo trimestre del 2024.

“Abbiamo scelto sia Ravenna che Piombino per le caratteristiche tecniche che ci offrono, ma anche perché sono vicini ai consumatori”, ha detto Venier.

L’Italia spera che Piombino sia operativo entro la fine del prossimo marzo. (1 dollaro = 1.0019 euro)

READ  Il presidente della Federal Reserve Powell testimonia davanti a un comitato della Camera

Reportage aggiuntivo di Giulio Biovacari, montaggio di Elvis Armellini e Keith Weir

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.