Il telescopio spaziale James Webb scatta la prima immagine con specchi allineati

Il James Webb Space Telescope ha raggiunto un’altra pietra miliare nel processo di allineamento dello specchio, così come il team con successo Ha lavorato alla seconda e terza fase del processo e ha completato l’allineamento dei settori.

Allineare la parte completata

All’inizio di questo mese, la NASA ha condiviso un file Prima foto mai scattata dal James Webb Space Telescope e mentre il momento è stato impressionante, la qualità effettiva dell’immagine era tutt’altro che completa. Raffigurava un mosaico di 18 punti di luce stellari organizzati in modo casuale, che è stato creato riflettendo la luce della stessa stella nello specchio secondario Webb deviato. Questo servirà come punto di partenza da cui il team concentrerà i suoi sforzi sull’allineamento corretto di quei punti.

“La sfida per il team era duplice: garantire che NIRCam fosse pronto a raccogliere la luce dai corpi celesti e quindi identificare la luce stellare dalla stessa stella in ciascuno dei 18 settori dello specchio primario”, spiega la NASA.

James Webb ha completato l'allineamento della clip
Questa matrice di immagini esagonale catturata dallo strumento NIRCam mostra i progressi compiuti durante la fase di allineamento del segmento, allineando ulteriormente il segmento dello specchio primario a 18 segmenti e lo specchio secondario utilizzando movimenti precisi richiesti dal suolo. | Credito: NASA/STScI

Ora con la seconda e la terza fase dell’operazione su sette completamento, i 18 punti sparsi della formazione esagonale del telescopio Webb sono più precisi e adatti. Il completamento di questo processo, noto come allineamento del segmento secondo la NASA, è stato un passaggio essenziale prima che la luce di tutti gli specchi interferisse in modo che potessero funzionare all’unisono.

James Webb ha completato l'allineamento della clip
Questa gif mostra le immagini “prima” e “dopo” di Segment Alignment, quando il team ha corretto i grandi errori di posizionamento dei suoi segmenti dello specchio primario e aggiornato l’allineamento dello specchio secondario. | Credito: NASA/STScI

Concentrati sull’impilamento di 18 pezzi

Una volta ottenuto l’allineamento del segmento, afferma la NASA, i punti focalizzati riflessi in ciascun segmento dello specchio sono stati impilati uno sopra l’altro e combinati nella stessa posizione sul sensore NIRCam di Webb. Il team ha attivato gruppi di sei specchi contemporaneamente e ha ordinato loro di ripristinare la loro luce in modo che si sovrapponesse in modo che tutta la luce delle stelle interferisse l’una con l’altra.

READ  Il tempo sembra buono per l'imminente lancio del razzo in Florida di SpaceX martedì

Il risultato è l’immagine sottostante, che mostra una significativa progressione rispetto allo stato delle immagini in uscita da Webb Meno di un mese fa.

James Webb ha completato l'allineamento della clip
Durante questa fase dell’allineamento noto come impilamento delle immagini, le singole immagini della sezione trasversale vengono spostate in modo che si trovino esattamente al centro del campo per produrre un’immagine uniforme invece di 18. In questa immagine, tutti i 18 segmenti sono sopra l’un l’altro. Dopo i futuri passaggi di allineamento, l’immagine sarà più chiara. | Credito: NASA/STScI

“Abbiamo ancora del lavoro da fare, ma siamo sempre più soddisfatti dei risultati che stiamo vedendo”, afferma Lee Feinberg, Optical Telescope Element Manager di Webb presso il Goddard Space Flight Center della NASA. “Anni di pianificazione e test stanno dando i loro frutti e il team non avrebbe potuto essere più entusiasta di vedere cosa porteranno le prossime settimane e i prossimi mesi”.

Sebbene le sezioni fossero allineate correttamente, ciascuna delle sezioni dello specchio funzionava ancora come 18 piccoli telescopi anziché come uno grande, come è l’obiettivo finale. La NASA afferma che queste parti ora devono essere allineate tra loro con una precisione inferiore alla lunghezza d’onda della luce.

Il passaggio successivo, il quarto stadio del settimo, è noto come gradiente grossolano, in cui NIRCam verrà utilizzato per catturare spettri di luce da 20 coppie separate di segmenti speculari.

“[Coarse Phasing] Aiuta il team a identificare e correggere gli offset verticali tra i segmenti di specchio o le piccole differenze nelle loro elevazioni”, spiega la NASA. “Ciò renderà un singolo punto di luce stellare progressivamente più nitido e più focalizzato nelle prossime settimane”.


Crediti immagine: NASA/STScI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.