Blue Origin sta indagando sul problema del paracadute di New Shepard

KENNEDY SPACE CENTER, Florida – Il paracadute non è riuscito a gonfiarsi completamente durante l'ultimo volo suborbitale di Blue Origin New Shepard perché la linea che ne controlla l'espansione non è stata tagliata come previsto.

Uno dei tre paracadute della capsula dell'equipaggio del New Shepard non si è gonfiato completamente durante la discesa della capsula nella missione NS-25 del 19 maggio. Gli altri due paracadute funzionarono normalmente e la capsula atterrò senza alcun incidente.

Durante un briefing del 31 maggio sull'imminente volo di prova con equipaggio Boeing CST-100 Starliner, i funzionari della NASA hanno affermato di aver ricevuto un briefing da Blue Origin sulla questione del paracadute poiché i paracadute su altri veicoli, come lo Starliner, utilizzano componenti simili.

I paracadute sono progettati per aprirsi in fasi, chiamate barriere coralline, per limitare i carichi sui paracadute, ha affermato Steve Stich, responsabile del programma commerciale dell'equipaggio della NASA. “In questo caso, uno dei paracadute è rimasto bloccato in quella che definirei la prima fase” del processo di terzaroli, limitando l'apertura del paracadute, ha detto.

Questo è controllato da una barra o linea sul collo dell'ombrello. “Quello che abbiamo visto è che i frangenti, per qualche motivo, non hanno tagliato quella linea”, ha detto. I paracadute dello Starliner utilizzano un taglierino simile, ma Stitch ha detto che i test non hanno mostrato prove di problemi con quelli utilizzati sullo Starliner. Ciò fornì la “logica aeronautica” per continuare i lanci dello Starliner.

Ha elogiato Blue Origin per aver condiviso informazioni sulla questione del paracadute. “È un piccolo gruppo di persone che lavora su questi paracadute”, ha detto, compresi quelli di Blue Origin, Boeing, NASA e SpaceX. “Sono stati bravissimi nel condividere i dati con noi. Non hanno ancora individuato alcuna causa principale e continuiamo a seguirli.”

READ  Un meteorite è caduto nel letto di una donna in Canada

Tuttavia, Blue Origin ha fornito poche informazioni al pubblico sulla questione del paracadute e sulle sue indagini, e non ne ha fatto menzione nella sua dichiarazione di intenti.

“Il nostro sistema New Shepard utilizza tre paracadute ed è progettato per atterrare in sicurezza con solo uno schierato”, ha detto a SpaceNews il 31 maggio un portavoce dell’azienda. “Conduciamo revisioni complete post-volo di ciascun sistema di volo e tale analisi continua. “Continuiamo a condividere dati e analisi sull'implementazione del paracadute con i fornitori di paracadute, la NASA e i fornitori di servizi di lancio.”

I paracadute hanno creato problemi a molti veicoli con equipaggio che li utilizzano. Il volo di prova con equipaggio dello Starliner dello scorso anno è stato rinviato in parte per sostituire i componenti del paracadute chiamati “soft link” che non forniscono adeguati margini di sicurezza. SpaceX ha avuto le sue sfide nello sviluppo di paracadute per la navicella spaziale Crew Dragon, notando di recente che uno dei quattro paracadute era più lento ad aprirsi rispetto agli altri durante il dispiegamento, ma si gonfiava completamente.

I problemi con i paracadute evidenziano le sfide inerenti alla loro progettazione nonostante decenni di esperienza nel loro utilizzo nei voli spaziali. “È l'unico sistema di cui abbia mai avuto bisogno per assemblarsi in volo”, ha detto Jim McMichael, direttore senior dell'integrazione tecnica per il Commercial Crew Program della NASA, durante un'intervista prima del precedente tentativo di lancio dello Starliner.

Il paracadute viene schierato in un “ambiente caotico” influenzato da fattori come l’impatto che il veicolo spaziale dietro di esso ha nell’atmosfera mentre scende. “Anche oggi, con tutta la tecnologia di cui disponiamo e tutto il resto, per quanto riguarda i paracadute, non possiamo ancora modellare il gonfiaggio di un paracadute”, ha detto. Una volta che inizia a gonfiarsi, i modelli possono prevedere con precisione i carichi sul sistema.

READ  Il fotografo cattura un video ravvicinato di 5 ore del sole

“Sembra che dovrebbe essere facile”, ha concluso. “È ancora un po' difficile.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *