Il punto di vista del Guardian sull’inno di protesta dell’Italia: Sing Loud, Sing Proud | editoriale

DIl suo trash di una canzone – quanto è grande la sua storia – è paragonabile alle divisioni sociali che creerà il futuro governo guidato dai Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni e dalla Lega di Matteo Salvini. Ma l’estrema destra ha preso di mira l’italiano Inno della Liberazione Bella Ciao è stata istruttiva durante l’attuale campagna elettorale.

Nel corso degli anni, questa ballata di una giovane partigiana che saluta il suo amante e si dirige verso le montagne per combattere Hitler e Mussolini è diventata un inno internazionale per la libertà. Yves Montand, la cui famiglia fuggì dall’Italia fascista per la Francia, ne registrò il nome nel 1964. La cantante folk Mercedes Sosa è sfuggita alle grinfie della giunta militare argentina e ne ha consegnato uno famoso. Spiegazione Nel 1983 a Milano. Più recentemente, in Medio Oriente, le milizie curde Accettato Quando hanno combattuto l’Isis.

Bella Ciao viene cantata a feste e raduni in tutto il paese ogni anno il 25 aprile, quando l’Italia commemora la sua liberazione dalla dittatura fascista nel 1945. Ma per ovvie ragioni — una celebrazione della sconfitta della Repubblica Sociale Italiana di Mussolini, lo stato fascista fondato nel nord Italia nel 1943 — la canzone non è mai apparsa nelle playlist dell’estrema destra italiana. Dopo la guerra, lo stabilirono i sostenitori di Mussolini Movimento Sociale Italiano (MSI), la scomparsa del dittatore è qualcosa da piangere piuttosto che celebrare. Durante i decenni del dopoguerra, tali opinioni furono spinte con forza ai margini della vita nazionale, ma persistettero nel mondo crepuscolare della nostalgia post-fascista.

Negli ultimi anni, tuttavia, la moderna estrema destra italiana ha osato condurre una guerra culturale contro una delle canzoni di libertà preferite al mondo. Negli ultimi anni, i politici di estrema destra hanno messo in dubbio l’uso di Bella Ciao nelle scuole ed è stato descritto come uno strumento di reclutamento per la sinistra politicamente corretta. Durante l’attuale campagna elettorale, la nota cantante Laura Boucini, ha dato i suoi frutti con lo slittino. rifiutato La canzone deve essere cantata sulla base del fatto che è “troppo politica”. Questa settimana, signor Salvini Si è congratulato La decisione della signora Boucini è una vittoria contro la propaganda di sinistra. “La sinistra salirà al potere dopo le elezioni di Bella Ciao”, ha detto.

READ  Antica strada romana e darsena scoperti nel lago di Venezia | Italia

Bella Ciao non è una canzone di sinistra; L’opposizione al fascismo e la difesa dei diritti umani universali e della libertà dall’oppressione non sono di sinistra. Ma è una canzone che attira un’attenzione scomoda su connessioni passate che l’estrema destra moderna vuole cancellare dalla storia. I Fratelli d’Italia provengono dalla stessa eredità politica del MSI e del suo successore, Alleanza Nazionale. Il suo logo è ancora lì sta andando La fiamma tricolore di MSI.

Il candidato alle elezioni della Fratellanza d’Italia è stato sospeso dal partito dopo che è stato scoperto un post su Facebook in cui lodava Hitler e descriveva la Meloni come una “fascista moderna”, cosa che lui nega. Mentre il partito cerca di entrare nel mainstream rispettabile, la vera propaganda viene da coloro che cercano di minare e confondere la memoria collettiva italiana degli orrori del fascismo e delle forze politiche che ne sono responsabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.