Il voto dei giovani è più importante che mai alle elezioni italiane

Per la prima volta nella storia italiana, i giovani tra i 18 ei 24 anni avranno pieno diritto di voto alle elezioni nazionali del 25 settembre, il che significa che la voce dei giovani deve essere più importante che mai. Per porre fine a un’anomalia di lunga data, l’età minima per votare al Senato è stata abbassata da 25 a 18 anni, allineandola a quella della Camera dei Rappresentanti. Entrambe le camere del Parlamento hanno uguali poteri.

“In termini di numeri, significa ovviamente che i giovani sono più importanti in queste elezioni”, ha detto a Reuters Livio Giglioto, vicepresidente dell’istituto elettorale Estetoto Pepoli. “Il problema principale è quanti effettivamente votano”. Il cambio di regola riguarda 4,1 milioni di persone, su un totale di 51,4 milioni di elettori, e sebbene i sondaggisti affermino che un numero significativo potrebbe astenersi, i politici non si vergognano dei loro tentativi di conquistare il cuore e la mente dei nuovi elettori.

Fedele alla sua spettacolarità, l’ex primo ministro e cantante delle navi da crociera Silvio Berlusconi ha aperto la strada nei tentativi di raggiungerli tramite TikTok, con video in cui usa voci divertenti, scherza e gioca sulla sua immagine di playboy. “Sto parlando con gli over 18 – ti sto chiedendo di presentarmi la tua ragazza? Niente affatto! Ti sto chiedendo di andare a votare il 25 settembre e votare per me”, l’85enne detto la scorsa settimana.

Grazie alle sue buffonate, Berlusconi ha attirato più di 2,5 milioni di like sul social network, in meno di tre settimane. Ma non è chiaro se l’attenzione che sta ricevendo si tradurrà nelle schede elettorali. “Ho visto i video di Berlusconi su TikTok, ma perché mi fa ridere, non perché voglio votarlo”, ha detto Alessandro Malles, 20 anni, liceale di Milano che ha intenzione di astenersi dal votare.

READ  Il primo ministro italiano afferma che l'indipendenza dal gas russo richiederà più tempo, Energy News ed ET EnergyWorld

“In generale, penso che il voto non porti a nessun cambiamento. Non vedo differenze concrete per me se c’è una persona o un’altra nel governo”, ha detto. ritorno delle speranze

Un sondaggio pubblicato ad agosto dall’Istituto SWG ha stimato il potenziale tasso di astensione tra i giovani elettori al 34-38% e ha riferito che il 43% di loro pensa che votare sia “privo di significato” perché i politici “fanno quello che vogliono” una volta eletti. Ma ciò non ha impedito ai partiti di prendere di mira specificamente gli elettori per la prima volta.

Tutte le dichiarazioni contengono promesse generose rivolte ai giovani in difficoltà per il lavoro o lo studio, tra cui l’aiuto per le tasse universitarie, i costi del mutuo e dell’affitto, l’introduzione di un salario minimo e il divieto di tirocini non retribuiti. Il Partito Democratico (PD) di centrosinistra ha anche promesso una “dote” di 10.000 euro (9.980 dollari USA) a diciottenni provenienti da famiglie a basso reddito e sta inviando messaggi potenti sul cambiamento climatico, sull’aborto e sui diritti LGBT.

I sondaggi mostrano che questa è la più grande paura dei giovani elettori. Il candidato di centrosinistra, a cui non è stato permesso di discutere formalmente di strategia, ha detto a Reuters che il leader del Pd Enrico Letta è “veramente convinto che questo sia uno dei modi per colmare il divario con il centrodestra”.

Sarebbe una bella rimonta: prima che entrasse in vigore il blackout dei sondaggi d’opinione il 10 settembre, l’affluenza alle urne era inferiore al 30% nel blocco a guida democratica, rispetto a oltre il 45% per la coalizione di destra guidata dai Georgia Meloni Brothers d’Italia. Partito (FdI). Un sondaggio SWG di agosto ha mostrato che il PD è il partito più popolare nella fascia di età 18-24 anni con il 19% di sostegno rispetto al 17% sia per FdI che per il Movimento 5 stelle di sinistra (M5S).

READ  Italia: i partiti di centrodestra vogliono Silvio Berlusconi presidente | notizie | DW

Il sostegno al 5 stelle è aumentato da agosto, grazie soprattutto alla sua difesa dell’assistenza ai disoccupati e ai poveri, lasciando la porta aperta per una sorpresa tardiva nel voto di domenica. “Dato l’offerta, non mi sentirei di votare per nessun altro”, ha detto Enrico Garetta, 26 anni, del Palermo. (1 dollaro = 1.0022 euro)

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse ed è generata automaticamente da un feed condiviso.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.