Gran Premio d'Italia: Carlos Sainz “osa sognare” di poter battere Max Verstappen a Monza

Solo 0,067 secondi separano i primi tre posti in griglia del Gran Premio d'Italia, che inizierà domenica alle 14:00 GMT.

Potrebbe essere stata l'euforia di essere un pilota Ferrari in pole a Monza, ma Carlos Sainz ha osato sognare sabato pomeriggio di poter battere Max Verstappen e la Red Bull fino alla vittoria nel Gran Premio d'Italia.

“Potrebbe succedere”, ha detto lo spagnolo. “Niente è impossibile, se farò una buona partenza farò tutto il possibile per stare davanti a Max.

“Quest’anno il 100% delle gare sono state nettamente più veloci, questo mi fa pensare che non sarà affatto facile, cercheranno di farcela in un modo o nell’altro.

“Ma qualcosa potrebbe succedere. Potremmo avere una giornata particolarmente buona. Cercherò solo di essere aperto e di guidare come se potessi vincere la gara, per poi adattarmi alle condizioni e al ritmo di gara di ciascuna vettura.”

“Mi godrò la pole position per la Ferrari a Monza. Sarà divertente.”

Ventiquattr'ore prima, dopo aver fatto segnare il miglior tempo nelle prove libere di venerdì nel giorno del suo 29esimo compleanno, a Sainz era stato chiesto se avrebbe potuto conquistare la pole position il giorno successivo.

“Sognare è gratis, non è vero?” Egli ha detto. “Questo è uno dei miei detti preferiti. Penso che tutti possiamo sognare e nessuno può portarcelo via.”

Questo sogno è diventato realtà. Se ciò sia possibile è una questione diversa.

Venerdì ha continuato a parlare di “realismo”, accettando che la Red Bull abbia un passo di gara migliore, come ha dimostrato durante tutto l'anno, e come dimostrato a lungo termine nelle prove.

Nonostante l'adrenalina che arriva dal tifo di decine di migliaia di tifosi italiani, sabato ha accettato la stessa cosa.

“La macchina è andata molto bene questo fine settimana, soprattutto sul giro secco”, ha detto Sainz. “Ma alla lunga, non mentirò, è più ingannevole. Non è la stessa immagine.”

“Una volta che fai cinque o sei giri con la gomma e tutto inizia a diminuire un po', è allora che vediamo la loro potenza e il ritmo di gara che abbiamo visto tutto l'anno.

“È una buona opportunità. Per essere realistici, la Red Bull dovrebbe essere più veloce. Ma cercheremo di complicargli la vita il più possibile e proveremo a vincere.”

READ  Patriots coach Bill Belisik refuses to accept Trump's Medal of Freedom
Carlos Sainz e Charles Leclerc si parlano dopo le qualifiche del Gran Premio d'Italia
Charles Leclerc (a destra) ha ottenuto la pole per la Ferrari a Monza lo scorso anno, finendo secondo dietro Verstappen

Sainz e il compagno di squadra Charles Leclerc hanno sicuramente fatto una buona prestazione sabato. Leclerc ha corso in pole position nelle sue ultime manche di qualificazione ed è andato più veloce. Verstappen lo ha superato di 0,054 secondi, ma Sainz doveva ancora arrivare, battendo l'olandese di 0,013 secondi.

Con le vetture rosse posizionate davanti a Verstappen sulla griglia, in qualsiasi stagione normale si ritiene che la Ferrari abbia buone possibilità di lavorare insieme strategicamente contro Verstappen in gara. Soprattutto con il suo compagno di squadra Sergio Perez che è sceso al quinto posto, dietro al pilota della Mercedes George Russell, che ha sorpreso se stesso e la sua squadra con questa ottima prestazione.

Ma questo è tutt’altro che un anno normale, e rendere la vita complicata a Verstappen nelle corse si è rivelato un compito particolarmente difficile per chiunque.

Il campione del mondo ha ottenuto nove vittorie consecutive: un'altra vittoria domenica batterebbe il record di vittorie consecutive che attualmente condivide con Sebastian Vettel.

Solo Perez ha battuto Verstappen tutto l'anno, e solo due volte. Verstappen ha 11 vittorie su 13 gare e si dirige incessantemente verso il suo terzo titolo mondiale.

Ma Monza ha già fatto la sua parte nel fermare una serie di vittorie consecutive. Tornando al 1988, la McLaren dominava la stagione in modo più completo della Red Bull nel 2023. Ayrton Senna e Alain Prost vinsero tutte le gare fino al loro arrivo in Italia. La loro macchina era molto migliore di qualsiasi altra macchina oltre alla Red Bull di quest'anno.

Ma a Monza le cose sono andate storte. Prost si ritirò per un guasto al motore e Senna inciampò su un segnale posteriore mentre sembrava essere sulla buona strada per la vittoria e si ritirò. Questa è stata l'unica gara che la McLaren non ha vinto tutto l'anno.

Questo record – di vincere tutte le gare tranne una nell’anno – è qualcosa che la Red Bull sembra destinata a battere in questa stagione. Ma Verstappen e il capo della squadra Christian Horner hanno messo in guardia su questo tutto l’anno, sottolineando quante cose potrebbero andare storte.

READ  Il russo Carter ha perso la sua patente di guida a causa del presunto incidente del saluto nazista

Tuttavia, se tutto andrà bene, la Ferrari non avrà alcuna possibilità di trattenere Verstappen domenica.

Le corse sono il luogo in cui la Ferrari ha tradizionalmente faticato in questa stagione. Sono una delle uniche due squadre oltre alla Red Bull a detenere la pole position – l'altra è la Mercedes con Lewis Hamilton in Ungheria – e l'unica squadra oltre alla Red Bull ad essere gestita da entrambi i piloti.

Ma la domenica tendono a tornare indietro. Il deterioramento dei pneumatici è stato il loro punto debole. Quando Leclerc partì dalla pole a Baku lo scorso aprile, le Red Bull lo superarono in gara come se non esistesse, anche se rimase sul podio.

Da allora la Ferrari ha migliorato l'usura delle gomme e nella gara di venerdì le cose sembravano buone. Leclerc è stato più veloce dei due, di circa 0,2 secondi al giro, continuando la tendenza in cui Sainz tende a faticare di più nelle gare, ma Verstappen è stato altrettanto più veloce di nuovo, e questo nonostante si sia lamentato della sua vettura, prima di migliorarla. Durante la notte.

Tuttavia, la Ferrari sembra avere buone possibilità di salire sul podio: tra gli altri piloti, solo la Williams di Alex Albon, che si era qualificata sesta, è stata la più veloce venerdì. Anche un podio casalingo, anche su una pista che mette in risalto i punti di forza della Ferrari e minimizza i suoi punti deboli, sarebbe qualcosa da festeggiare dopo un anno così difficile.

Le bandiere della Ferrari furono sventolate dai Tifosi sulle tribune di Monza
I tifosi della Ferrari sugli spalti di Monza hanno esultato felicemente quando Sainz ha tagliato il traguardo per strappare la pole a Verstappen.

Le difficoltà della Ferrari non hanno fatto nulla per diminuire la passione mostrata dai famosi tifosi. Per tutto il fine settimana hanno circondato l'Hotel de Ville, dove alloggiavano Leclerc e Sainz.

Sabato lo hanno fatto al punto che i piloti sono arrivati ​​in pista con 20 minuti di ritardo – e quindi con 20 minuti di ritardo per le riprese previste. Il nuovo film di Brad Pitt.

READ  Conferma la data della partita tra Manchester United e Real Socied in European League

Dopo le qualifiche, ai piloti della Ferrari è stato chiesto come si sentissero riguardo alla pressione di rappresentare efficacemente un paese e alle critiche che la squadra ha ricevuto per la sua sorprendente incapacità di mantenere l'ambizione di lottare per il titolo quest'anno.

“Alla fine, noi siamo la Ferrari, quindi ovviamente c’è molto clamore intorno alla squadra e dobbiamo affrontarlo”, ha detto Leclerc.

“Nessuno di noi è soddisfatto della prestazione che stiamo facendo in questo momento, tranne oggi ovviamente, in cui siamo molto orgogliosi e felici.

“Il resto della stagione è stato molto difficile. È normale che la gente parli molto della Ferrari perché la Ferrari è la Ferrari e per la storia che ha in questo sport, e ora è nostro dovere fare del nostro meglio in futuro.” Torna all'inizio.

“Non sento più la pressione venendo qui; è solo motivazione. È una settimana lunga. Abbiamo trascorso due giorni al simulatore. Abbiamo eventi a Milano e sentiamo molto supporto e puoi davvero sentire quanto sono realizzato .” Il premio significa per il Paese e quanto sia importante la Ferrari per loro.

“È molto speciale e puoi sentire la responsabilità. Ma alla fine, c'è molta più motivazione che pressione.”

Sainz acconsentì. “È un senso di responsabilità dare a questo pubblico e a questo Paese la migliore versione possibile di te stesso”, ha detto.

“Non avrei potuto godermi questo fine settimana più di quanto ho fatto, ed è stato così negli ultimi tre anni.

“Non riesco a pensare a una sensazione migliore di quella di essere un pilota Ferrari a Monza. È un sogno diventato realtà ed è qualcosa che ricorderò per il resto della mia vita, avendo avuto questi anni di esperienza e mi sento così. Mi ritengo molto fortunato”.

Ascolta i suoni dei bannerAscolta i suoni del footer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *