I giocatori di Baldur's Gate 3 stanno trovando uno strano nuovo utilizzo per il cadavere di Gortash

Theo Borman

Nelle parti finali di Baldur's Gate 3, i giocatori hanno scoperto uno strano uso del cadavere di Gortash, che si basa sull'uso dell'incantesimo Parla con i morti.

Speak with Dead è una testimonianza di quanto sia dettagliato Baldur's Gate 3. La maggior parte degli NPC morti nel gioco avranno diverse opzioni di dialogo che ti permetteranno di saperne di più sulle circostanze in cui sono morti e sulla loro storia. A patto, ovviamente, che non sia stato tu a ucciderli.

L'articolo continua dopo l'annuncio

È un ottimo modo per saperne di più su Faerun e sulla tradizione di Baldur's Gate, ma può anche portare ad alcune interazioni strane e talvolta inquietanti, e anche se il gioco è uscito da mesi, i giocatori continuano a trovarlo.

Una delle situazioni più pericolose arriva quando usi Parla con i morti su Gortash nel capitolo 3, se decidi di ucciderlo.

I giocatori di Baldur's Gate 3 stanno testando Speak with Dead su Gortash

Come se essere ucciso da un gruppo di compagni con una sola cellula cerebrale in mezzo non fosse abbastanza, Gortash non potrà riposare in pace, perché se usi Parla con i morti su di lui, potrai comunicare con Bane, il Dio della tirannia, che ha scelto Gortash come sua scelta tra… i Tre Morti.

L'articolo continua dopo l'annuncio

Un giocatore che Interazione evidenziata Lo ha mostrato, dicendo che è stato “molto interessante il modo in cui il gioco tiene conto di ogni piccolo dettaglio”.

READ  Ecco il nostro miglior sguardo alla serie TV di The Last of Us, Ellie e Joel

Sfortunatamente, Ketheric e Orin non lasciano un cadavere, quindi non c'è modo di usare questa tattica per chattare con Bhaal o Myrkul – non che tu voglia parlare comunque con gli dei dell'omicidio e della negromanzia.

Per ulteriori notizie e aggiornamenti su Baldur's Gate 3 e i suoi nemici, scopri perché i giocatori chiedono a gran voce più contenuti Ketheric nel Capitolo 2.

L'articolo continua dopo l'annuncio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *