Gli scienziati si meravigliano delle nuove visioni dell’universo della NASA Web

L’universo è nato nell’oscurità 13,8 miliardi di anni fa, e anche dopo che le prime stelle e galassie sono nate poche centinaia di milioni di anni dopo, anche queste sono rimaste oscure. La sua luce brillante, che si estende nel tempo e in un universo in espansione, è debole nell’infrarosso, rendendolo, e altri indizi sui nostri inizi, inaccessibili a ogni occhio e strumento.

Fino ad ora. Martedì, il James Webb Space Telescope, il più potente osservatorio spaziale fino ad oggi, ha presentato una straordinaria presentazione del nostro universo infantile mai visto prima. Antiche galassie coprivano il cielo come gioielli su velluto nero. Le stelle appena nate brillano dalle profondità dei cumuli interstellari di polvere. Cenni di vapore acqueo nell’atmosfera di un lontano esopianeta.

La loro somma è una nuova visione dell’universo e una visione dell’universo come è apparso di nuovo.

“È sempre stato lì”, ha detto Jane Rigby, astrofisica presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, e direttrice delle operazioni del telescopio. “Dovevamo solo costruire un telescopio per vedere cosa c’era”.

Il telescopio Webb – il decantato successore della NASA del telescopio spaziale Hubble, 30 anni e quasi 10 miliardi di dollari in costruzione – è attrezzato per accedere a questo campo della storia cosmica, studiando le prime stelle e galassie e cercando mondi più vicini e potenzialmente abitabili. È una collaborazione tra la NASA, l’Agenzia spaziale europea e l’Agenzia spaziale canadese.

“Stiamo cercando le prime cose che verranno fuori dal Big Bang”, ha affermato John Mather, il capo scienziato del telescopio.

a lui attribuito…Taylor Michal/NASA

Guarda l’anteprima del presidente Biden Lunedì pomeriggio, quando ha presentato quella che i funzionari e gli astronomi della NASA descrivono come l’immagine più profonda dell’universo, un segno che probabilmente verrà superato prima della fine della settimana quando più flussi di dati arriveranno dai computer della NASA.

READ  Un enorme brillamento solare si sta dirigendo verso la Terra questo Halloween

L’immagine, di un lontano ammasso stellare chiamato SMACS 0723, ha rivelato galassie lontane sparse nel cielo. La luce di quelle galassie, amplificata nel campo visivo dal campo gravitazionale dell’ammasso, proveniva da galassie che esistevano più di 13 miliardi di anni fa.

Guardare nello spazio è guardare nel passato. La luce viaggia a una velocità costante di 186.000 miglia al secondo, o circa 6 trilioni di miglia all’anno, attraverso il vuoto dello spazio. Osservare una stella a 10 anni luce di distanza significa vederla com’era 10 anni fa, quando la luce ha lasciato la sua superficie. Più una stella o una galassia è lontana, più diventa grande, rendendo ogni telescopio una specie di macchina del tempo.

Gli astronomi ipotizzano che le stelle precedenti e più lontane possano essere diverse dalle stelle che vediamo oggi. Le prime stelle erano fatte di idrogeno puro ed elio rimasti dal Big Bang e potevano diventare molto più massicce del Sole, per poi collassare rapidamente e violentemente in buchi neri supermassicci del tipo che ora abita i centri della maggior parte delle galassie.

a lui attribuito…NASA, ESA, CSA e STScI

Le nuove immagini sono state rilasciate durante una celebrazione di un’ora al Goddard Space Flight Center ospitata da Michael Thaler, assistente direttore del centro per la comunicazione scientifica, con il video interrotto in tutto il mondo. A poche miglia dallo Space Telescope Science Institute di Baltimora, una folla di astronomi strillava, urlava e ondeggiava, mentre nuove immagini lampeggiavano sullo schermo, prova che il loro telescopio stava funzionando meglio di quanto sperassero.

READ  SpaceX aborts its third spacecraft launch attempt minutes before ignition

Una delle viste celesti a infrarossi a cinque punte di Stefan mostrava cinque galassie improbabilmente fitte nella costellazione del Pegaso. I quattro sembravano così vicini l’uno all’altro che alla fine avrebbero potuto fondersi. In effetti, l’immagine ha rivelato una striscia di polvere che si stava riscaldando mentre due galassie strappavano le stelle l’una dall’altra.

Una veduta della Nebulosa dell’Anello Meridionale, il residuo di una stella in esplosione, ha mostrato accenni di complesse molecole di carbonio note come idrocarburi policiclici aromatici, o IPA, che galleggiano nel mezzo. Tali particelle si spostano nello spazio, depositandosi in nubi che poi danno vita a nuove stelle, pianeti, asteroidi e qualsiasi altra vita possa germogliare in seguito.

“È probabile che la formazione di IPA in queste stelle sia una parte molto importante di come è iniziata la vita”, ha affermato Bruce Balick, professore emerito di astronomia all’Università di Washington. “Sono sorpreso.”

a lui attribuito…NASA, ESA, CSA e STScI
a lui attribuito…NASA, ESA, CSA e STScI

L’immagine più sorprendente è stata della nebulosa Carina, una vasta nuvola di polvere vorticosa che è un vivaio stellare e sede di alcune delle stelle più luminose ed esplosive della Via Lattea. Vista alla luce infrarossa, la nebulosa assomiglia a un’incombente scogliera costiera erosa punteggiata da centinaia di stelle che gli astronomi non hanno mai visto prima.

“Mi ci è voluto un po’ per capire cosa menzionare in questa immagine”, ha detto Amber Straun, vice scienziata del progetto del telescopio, riferendosi alla struttura ruvida.

READ  Una piccola formazione "fiore" individuata dal rover Curiosity su Marte

La dottoressa Straugen ha aggiunto che non poteva fare a meno di pensare alle dimensioni della nebulosa piena di stelle che aveva i propri pianeti.

“Noi umani siamo davvero connessi all’universo”, ha detto. “Siamo stati fatti delle stesse cose in questa scena.”

dagli astronomi E alle feste di guardia in tutto il mondo, c’era soddisfazione e lodi uniformi.

“Questo evento mi ha lasciato senza parole”, ha detto Alan Dressler, un astronomo del Carnegie Observatory che è stato determinante nella pianificazione del telescopio 30 anni fa. “Credo di non essere esausto come pensavo.”

Ha aggiunto: “La crescita nella nostra comprensione dell’universo sarà grande come lo è stata con Hubble, e questo dice davvero qualcosa. Siamo in una grande avventura”.

In un’e-mail, Sarah Seeger, una scienziata planetaria del MIT, ha dichiarato: “Quando ho letto (la scorsa settimana?) che le persone hanno pianto quando hanno visto le immagini per la prima volta, ho pensato che fossero ridicole. Ora mi viene da piangere”.

a lui attribuito…NASA, ESA, CSA e STScI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.