Fumo e spari in una prigione di Teheran che tiene prigionieri politici con doppia nazionalità

DUBAI (Reuters) – Sabato è scoppiata una sparatoria in una prigione di Teheran che teneva prigionieri politici e cittadini con doppia nazionalità, hanno detto i testimoni, e si è visto del fumo salire sopra la prigione.

I media statali hanno citato un funzionario della sicurezza che ha incolpato “elementi criminali” per i disordini scoppiati dopo quasi un mese di proteste in tutto l’Iran per la morte di Mahsa Amini, un curdo iraniano di 22 anni.

Il funzionario ha detto che la calma è tornata, ma un testimone ha detto che si possono ancora sentire gli spari.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Le strade per la prigione di Evin sono chiuse al traffico. Ci sono molte ambulanze qui”, ha detto un testimone contattato da Reuters. “Siamo ancora in grado di sentire gli spari”.

Un altro testimone ha detto che le famiglie dei prigionieri si sono radunate davanti all’ingresso principale del carcere. Dissero: “Vedo fuoco e fumo. Molte forze speciali. Ci sono anche le ambulanze”.

Il sito web dell’attivista 1500tasvir ha pubblicato filmati che mostravano forze speciali su motociclette che si dirigevano verso la prigione.

La prigione contiene principalmente detenuti che devono affrontare accuse di sicurezza, compresi i doppi iraniani. È stato a lungo criticato dai gruppi per i diritti umani occidentali e inserito nella lista nera dal governo degli Stati Uniti nel 2018 per “gravi violazioni dei diritti umani”.

Il suo avvocato ha detto che Siamak Namazi, un iraniano-americano incarcerato per quasi sette anni con l’accusa di spionaggio respinto da Washington come infondato, è tornato a Evin mercoledì dopo aver preso un breve congedo.

READ  Coronavirus Live News: Fauci afferma che gli americani potrebbero ancora indossare maschere nel 2022; Il Regno Unito registra 215 morti | notizie dal mondo

Human Rights Watch ha accusato le autorità carcerarie di aver utilizzato minacce di tortura e reclusione a tempo indeterminato, nonché lunghi interrogatori e rifiuto di cure mediche per i detenuti.

I disordini nella prigione di Evin sono arrivati ​​dopo quasi un mese di proteste in tutto l’Iran da quando Amini – una donna di 22 anni della regione curda del Paese – è morta il 16 settembre mentre era detenuta per “vestito in modo improprio”.

Le proteste hanno rappresentato una delle sfide più serie per la Repubblica islamica dalla rivoluzione del 1979.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reporting dall’ufficio di Dubai Scritto da Dominic Evans Montaggio da Helen Popper e William MacLean

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.