Filippo Pozzato sostiene Jonathan Milan e Andrea Baggioli come prossimi vincitori del Monumento italiano

L’enfatica vittoria di Tadej Pogačar nel Monumento finale della stagione su strada 2023 a Il Lombardia all’inizio di questo mese ha coronato una stagione classica e memorabile. Tuttavia, sono passati due anni dall’ultima volta che un ciclista italiano ha ottenuto il punteggio più alto in una delle cinque principali gare di ciclismo di un giorno.

La drammatica vittoria ricoperta di fango di Sonny Colbrelli alla Parigi-Roubaix del 2021 è stata sorprendente ed emozionante, ma proprio quando la carriera dell’ex campione europeo su strada si è interrotta bruscamente, così è successo anche… Azzurri Sperano di ritornare ai giorni in cui controllavano le rovine.

Egli guarda: Come il ciclismo ha spezzato il cuore di Sonny Colbrelli

Dal 1993 al 2008, gli italiani hanno rivendicato ogni anno almeno uno dei cinque monumenti. Un corridore da aggiungere all’impressionante conteggio di un giorno dell’Italia è stato il vincitore della Milano-Sanremo 2006 Filippo Pozzato.

Dopo il ritiro alla fine del 2018, Bebo si è dedicato all’organizzazione di gare, lanciando una serie di gare nella sua regione natale, il Veneto. La serie “Ride The Dreamland” comprende il Giro del Veneto, Serenissima Gravel e Veneto Classic, con la terza edizione che si è svolta nel corso della scorsa settimana.

Per saperne di più:

Bozzato consiglia Milan e Baggioli sulla riuscita del monumento

Sebbene il carismatico italiano stia trascorrendo la maggior parte del suo tempo dietro le quinte, con in mente anche la speranza di riportare una squadra italiana al WorldTour nei prossimi anni, ha ancora gli occhi puntati su chi guiderà la prossima generazione di Talento italiano.

READ  Caolan Loughran stupisce il pubblico italiano mentre il pugile irlandese diventa campione dei pesi gallo dei Cage Warriors dopo una splendida vittoria per KO

Parlando con GCN A proposito della provenienza del prossimo vincitore del Monumento in Italia, Pozzato ha nominato due corridori che ritiene abbiano il potenziale per esibirsi sul grande palco, più di due anni dopo la lacrima vittoria di Colbrelli nel bagno di fango a Roubaix.

“Jonathan Milan O [Andrea] Baggioli”, ha risposto prontamente alla domanda su chi potrebbe riportare l’Italia nella massima serie del monumentale podio.

Pozzato ha evidenziato il Milan come un corridore promosso da tempo, con due monumenti in particolare dove potrebbe fiorire.

“Milan-Milan-Sanremo o Parigi-Roubaix. L’anno scorso, prima della Milan-Sanremo, il mio preferito era il Milan, ma una settimana fa si è ammalato.

Nonostante una stagione impegnativa, in cui la malattia ha ostacolato il suo assalto alle Classiche di Primavera, Milan è riuscito ad assicurarsi una vittoria di tappa e quattro secondi posti che gli sono valsi la maglia ciclamino, quest’anno. Giro d’Italia. La prossima stagione vedrà il corridore italiano dietro al Bahrain Victorious partire per la Lidl-Trek, una mossa che secondo Pozzato andrà a beneficio solo del campione olimpico Team Pursuit.

Per saperne di più: Svelato il percorso del Giro d’Italia 2024

“Penso che il trasferimento di Milan alla Lidl-Trek gli faccia bene. Mi piace molto Milan, è un bravo ragazzo, una persona composta, non è stupido, è intelligente. Gli ho visto fare delle gare anormalmente veloci, ed è anche un ragazzo davvero giovane.

Baggioli è un altro italiano diretto alla Lidl-Trek per il 2024 dopo aver firmato un contratto triennale con il team WorldTour. Nelle sue ultime tre apparizioni con la squadra Soudal Quick-Step, il 24enne ha conquistato il terzo posto nella Coppa Bernocchi, il primo posto al Gran Piemonte e il secondo posto a Il Lombardia, che ha fatto girare la testa a tutto questo sport.

READ  Ottimo per i 'Cats': la coppia italiana vince il titolo europeo di pattinaggio di figura

Pozzato è uno di quelli che si è voltato e se ne è accorto e ha aggiunto: “Mi ha sorpreso vedere Baggioli sul podio de Il Lombardia. Pensavo che sarebbe stato tra i primi cinque. So che è molto forte perché ho parlato con il suo allenatore la settimana prima.

All’Italia manca la forza in profondità

Entrambi i piloti hanno mostrato segnali promettenti durante i primi anni della loro carriera, ma probabilmente avranno bisogno di ulteriori sviluppi per raggiungere il loro pieno potenziale. Con i ritiri di Colbrelli e Vincenzo Nibali, due corridori italiani su tre hanno vinto un Monumento negli ultimi dieci anni, lasciando solo Alberto Bettiol (EF Education-EasyPost) con un’esperienza da vincitore del Monumento nel gruppo professionistico.

Alla domanda su dove sia il problema, per un paese che un tempo dominava le classifiche dei risultati delle Classiche, Pozzato ha indicato le organizzazioni che coordinano lo sport in Italia.

“Il livello non è buono, perché non abbiamo iscritti al sindacato. Ad esempio a Vicenza avevamo un sindacato di 120 corridori ma ora ne abbiamo solo 20. Con questa quantità non è possibile ottenere qualità”.

Confrontando le fortune ciclistiche dell’Italia con quelle di altri paesi, Pozzato ha evidenziato una serie di paesi con un patrimonio ciclistico meno impressionante che ora li ha superati.

“La Gran Bretagna in passato aveva solo due corridori e ora ha una delle migliori squadre al mondo. L’Australia aveva un corridore e ora ha una squadra WorldTour. Gli americani erano pochi e ora hanno anche una squadra. Tutto si sta globalizzando, quindi c’è più potenziale per gli altri ma meno per l’Italia.

READ  L'iconico ristorante italiano di Glasgow anticipa il suo attesissimo nuovo ristorante di pasta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *