Boeing ritarda la prima missione degli astronauti Starliner al 2023

I funzionari di lancio affermano che la missione potrebbe essere lanciata già a febbraio, secondo Steve Stitch, Commercial Crew Program Manager della NASA.

Lo Starliner dovrebbe portare gli astronauti fuori dalla Terra entro la fine del 2022. Ma il lavoro è proseguito su diverse questioni chiave che sono state identificate nel Volo di prova senza pilota Starliner a maggio Respingi il programma.
Starliner è già in ritardo di anni. È destinato a servire lo stesso scopo della capsula Crew Dragon di SpaceX, che era trasporto di astronauti Da e per la Stazione Spaziale Internazionale da maggio 2020.

I problemi che i funzionari hanno identificato durante il volo di prova senza pilota dello Starliner includevano interruzioni di alcuni dei propulsori del veicolo spaziale che non funzionavano come previsto e problemi software. Nessuno di questi problemi ha avuto un impatto significativo sulla missione di prova, tuttavia, e il velivolo è stato comunque in grado di completare il suo viaggio di più giorni verso la Stazione Spaziale Internazionale e tornare sano e salvo sulla Terra. Tuttavia, i funzionari hanno ritenuto questi problemi abbastanza gravi da richiedere riparazioni prima che l’equipaggio potesse salire a bordo del veicolo.

In particolare, il primo tentativo di inviare Starliner Un test orbitale è stato condotto alla fine del 2019 La strada ha dovuto essere bloccata – riportando l’auto direttamente sulla Terra piuttosto che attraccare alla Stazione Spaziale Internazionale – dopo che problemi software hanno fatto deragliare l’auto. Ci sono voluti quasi due anni di risoluzione dei problemi prima che lo Starliner fosse pronto per tornare sulla rampa di lancio. Poi un problema con le valvole appiccicose ha ritardato il ritorno in volo della capsula.

Nonostante le sue battute d’arresto, la NASA si è schierata con Boeing, che è una delle due società – l’altra è SpaceX – che l’agenzia spaziale ha sfruttato per costruire veicoli spaziali degni degli astronauti dopo che il programma dello space shuttle è stato ritirato nel 2011. Mentre l’agenzia spaziale inizialmente ipotizzava che Boeing, partner da decenni con la NASA che batterà SpaceX sulla rampa di lancio, Boeing è ora indietro di almeno due anni rispetto al suo rivale relativamente nascente.

Ma la NASA vuole almeno due veicoli spaziali in grado di trasportare gli astronauti alla Stazione Spaziale Internazionale e tornare indietro con la speranza che se un veicolo incontra un problema che lo manterrà sulla Terra, c’è sempre un’opzione di trasporto di riserva. Ma va notato che la NASA può anche fare affidamento sulla navicella spaziale Soyuz di fabbricazione russa per consegnare gli astronauti alla Stazione Spaziale Internazionale e restituirli. I due paesi hanno accordi di ridesharing che consente agli astronauti russi e alla NASA di condividere i posti su veicoli statunitensi o russi e che la partnership è continuata nonostante le accresciute tensioni geopolitiche.

Gli astronauti della NASA Barry “Butch” Wilmore e Sunita Williams saranno i primi astronauti a volare a bordo dello Starliner il prossimo anno.

READ  Mandato di mascherine per interni di nuovo nella contea di Dane a partire da giovedì in base al nuovo ordine di sanità pubblica | il governo locale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.