Su invito del primo ministro italiano Giorgia Meloni, il neo-primo ministro Modi visiterà l'Italia e forse la Svizzera dopo aver prestato giuramento

Dopo la cerimonia di giuramento del 9 giugno, il neo-primo ministro indiano Narendra Modi si sta preparando per il suo primo viaggio all'estero in Italia. Il viaggio arriva sulla scia della sua vittoria alle elezioni di Lok Sabha e della successiva cerimonia di giuramento.

Il Primo Ministro indiano ha ricevuto un caloroso invito personale dalla sua controparte italiana, Giorgia Meloni, nella quale ha espresso il desiderio che lui partecipasse all'imminente vertice del G7.

Esprimendo gratitudine per l'invito, il Primo Ministro Modi ha rivolto i suoi calorosi auguri al popolo italiano in occasione della 79esima Festa della Liberazione. Si prevede che il vertice del G7, in programma dal 13 al 15 giugno, sarà un’arena fondamentale per le discussioni globali su varie questioni chiave.

Dopo la sua interazione con il Primo Ministro Meloni, Narendra Modi ha condiviso i suoi pensieri, dicendo: “L'ha ringraziata per averla invitata a partecipare al vertice del G7 a giugno. Al G7 si è discusso dei risultati del G20 dell'India. Abbiamo ribadito il nostro impegno ad approfondire la nostra strategia associazione.”

Una prossima visita in Svizzera

Oltre al vertice del G7, il Primo Ministro Modi è stato anche formalmente invitato a partecipare al “Vertice per la pace in Ucraina” a Bürgenstock, in Svizzera, che si terrà dal 15 al 16 giugno. Tuttavia, la possibilità di una sua presenza rimane incerta, a causa dell'assenza di un incontro. Un invito alla Russia, principale attore del conflitto in corso. Il Ministero federale degli affari esteri svizzero ha sottolineato che l'obiettivo del vertice è quello di aprire la strada ad una soluzione di pace duratura in Ucraina.

READ  L'indagine Global Infrastructure Index pone l'ambiente come una priorità assoluta

L'appello dell'India per una risoluzione pacifica dei conflitti internazionali, compreso lo stallo tra Russia e Ucraina, rimane fermo. Le echeggianti parole del Primo Ministro Modi “Questa non è un'era di guerra” riflettono la ferma fiducia della nazione nel dialogo e nella diplomazia come mezzo per risolvere le controversie.

Nonostante gli inviti al Primo Ministro Modi, non c'è stata alcuna conferma ufficiale riguardo alla sua partecipazione al vertice di pace. Il portavoce del Ministero degli Affari Esteri Randhir Jaiswal ha accennato ad un annuncio imminente con l'avvicinarsi della data del vertice, tenendo il mondo informato sull'agenda diplomatica dell'India.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *