SpaceX determina il riutilizzo di massa e il caricamento dei record al lancio di Starlink

WASHINGTON — SpaceX ha stabilito record per il riutilizzo del booster Falcon 9 e della massa che il razzo ha messo in orbita il 19 marzo con il recente lancio dei suoi satelliti Starlink.

Il Falcon 9 è decollato dallo Space Launch Complex 40 presso la Cape Canaveral Space Force Station in Florida alle 00:42 ET. Il lancio è avvenuto nella seconda delle due occasioni quella notte dopo che le tempeste nell’area hanno escluso il lancio alle 23:24 ET del 18 marzo.

Falcon 9 ha messo in orbita 53 satelliti Starlink a un’altitudine di circa 320 km. SpaceX ha ripreso i lanci su una traiettoria nord-orientale in questa missione dopo aver pilotato diversi precedenti lanci di Starlink su una traiettoria sud-orientale dove le condizioni del mare per il recupero del booster erano più favorevoli durante l’inverno.

a Tweet dopo il lancioIl CEO di SpaceX, Elon Musk, ha affermato che il lancio è stato il carico utile Falcon 9 più pesante di sempre, con 16,25 tonnellate. Ciò significa che i singoli satelliti Starlink pesano fino a 306 chilogrammi ciascuno, a seconda che ciò includa le barre di tensione utilizzate per dispiegare i satelliti e, in tal caso, la massa di tali barre. In confronto, la precedente generazione di satelliti Starlink pesava circa 260 chilogrammi ciascuno.

Con questa missione, SpaceX ha lanciato 2.335 satelliti Starlink, Secondo le statistiche mantenute da Jonathan McDowell. Di questi, 2.112 satelliti sono in orbita, di cui 1.575 in orbita operativa e quasi altri 450 in orbita operativa.

SpaceX ha anche stabilito una nuova pietra miliare nel riutilizzo del booster con il dodicesimo lancio di quel booster, designato B1051, che è atterrato su una nave drone nell’Oceano Atlantico. Il booster ha lanciato per la prima volta un volo di prova Experimental Crew 1 tre anni fa, e ha anche lanciato la Radarsat Constellation Mission, il satellite radio SXM-7 e nove missioni Starlink, secondo quel volo. Altri due rinforzi hanno effettuato 11 voli.

READ  Most of the supermassive black hole ever discovered distant quasar forces and highlights the early universe - RT World News

Due missioni di Crew Dragon scorrevoli

Ore prima del lancio di Starlink, l’undicesima missione di Falcon 9 per il 2022 e la NASA e Axiom Space hanno annunciato che le imminenti missioni Crew Dragon sono tornate da pochi giorni.

Axiom Space ha dichiarato il 18 marzo che la sua missione X-1 sulla Stazione Spaziale Internazionale, che trasportava quattro astronauti commerciali, era stata ritardata dal 30 marzo al 3 aprile. La società ha affermato che il ritardo di quattro giorni “consentirà ai team di completare l’elaborazione finale della futura missione del veicolo spaziale”.

La società ha aggiunto che la data del 3 aprile è “in attesa della disponibilità del dominio”. La NASA ha annunciato in un briefing il 14 marzo che le prove del sistema di lancio spaziale, che è stato lanciato per il complesso di lancio 39B il 17 marzo, avrebbero dovuto svolgersi il 3 aprile. Funzionari della NASA hanno detto all’inizio di quest’anno che l’LC-39A, che ospita il lancio del Falcon 9 Crew Dragon, dovrebbe essere autorizzato durante i lanci SLS sull’LC-39B, ma questa restrizione non si applicherebbe necessariamente alle prove in costume.

La NASA ha anche annunciato il 18 marzo che la missione dell’equipaggio commerciale Crew-4, che invierà quattro astronauti della NASA e dell’ESA sulla Stazione Spaziale Internazionale, è stata relegata dal 15 al 19 aprile. Esamina i dati tra le missioni di volo spaziale umano” e consente anche tentativi di lancio di più giorni basati sulla meccanica dell’orbita. La data di lancio post-revisione sarà finalizzata all’inizio della prossima settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.