Pensi che l’opera sia antiquata? Melody potrebbe essere all’orizzonte con la realtà virtuale e le telecamere a 360 gradi?

Nel 1597, la prima opera al mondo fu rappresentata a Firenze, in Italia. Più di 400 anni dopo, la venerabile forma d’arte è ancora eseguita più o meno nella stessa forma, con i cantanti e i musicisti sinfonici più preparati al mondo che si esibiscono senza amplificazione nelle grandi sale dei teatri.

Qui sta il problema. L’opera è la forma d’arte più costosa prodotta al mondo, ma il suo pubblico sta invecchiando e diminuendo. Può l’opera nel 21° secolo ridurre i suoi costi ed espandere il suo pubblico abbracciando nuove idee e tecnologie?

La risposta a questa domanda era l’obiettivo dell’Opera Hack, il “vertice delle idee” creato dalla San Diego Opera nel 2019.

L’8 novembre, la San Diego Opera ha annunciato i vincitori del suo terzo Opera Hack Contest. Tre idee create da esperti del settore artistico e tecnologico hanno vinto una sovvenzione di $ 5.000 per sviluppare ulteriormente le loro idee. Questi concetti vincenti potrebbero un giorno portare a produzioni operistiche che presentano la tecnologia utilizzata nei giochi di ruolo e nei videogiochi di realtà virtuale, nonché le tecnologie di motion capture utilizzate nei film.

Opera Hack 3.0 ha attirato partecipanti da Stati Uniti, Australia, Inghilterra, Italia, Canada, Scozia, Lituania e Paesi Bassi. Ecco uno sguardo ai tre progetti vincitori:

Realtà barocca: la realtà aumentata accessibile di Stagecraft

Il team di Baroque Reality, che comprende tre cantanti d’opera, mira a produrre una versione ridotta e incentrata sulla donna dell’opera barocca “Alcina” di Handel del 1735 che utilizza la tecnologia della realtà mista e aumentata per migliorare la narrazione. I membri del pubblico che guardano l’opera sul palco possono amplificare la loro esperienza attraverso l’uso della tecnologia a cui si accede su un tavolo o un telefono cellulare. Il pubblico può utilizzare il proprio dispositivo per visualizzare la scena virtuale e leggere i retroscena del personaggio in tempo reale durante la performance. La tecnologia di tracciamento del corpo potrebbe anche consentire ai membri del pubblico di vedere l’opera dal punto di vista degli avatar digitali degli artisti. Al centro della tecnologia c’è UnReal Engine, una popolare piattaforma di gioco che crea video 3D in tempo reale. Il team creativo del progetto comprende la cantante e sviluppatrice di software Esha Datta, la cantante ed educatrice Lindsey Blackhurst, la cantante e insegnante di canto Mitchell Hutchings e la compositrice e regista Sarah Hutchings.

READ  Made in Italy Perfettamente realizzato da Farren Timoteo

Metropoli 3.0

La nuova opera della compositrice Luciana Burke e Jacqueline Goldfinger, “Metropolis 3.0”, un adattamento di “Metropolis”, il film espressionista tedesco del 1927 di Fritz Lang su uno scontro tra ricchi e poveri in una società futuristica in cui i robot sono costruiti per sostituire i lavoratori umani. In questa versione di “Metropolis”, ambientata quasi 100 anni dopo l’uscita del film di Lang, i robot sono sempre più utilizzati per lavorare in un mondo dilaniato dal cambiamento climatico, dall’ingiustizia e dalla povertà globale. Opera presenterà strumenti tecnologici tra cui motion capture, realtà aumentata, mappatura della produzione, tracciamento del movimento e video live. Altri membri del team creativo di “Metropolis 3.0” sono lo sviluppatore e regista Eddie DeHaes, lo sviluppatore tecnico Ian Garrett, la designer Jelena Babinskaya, la drammaturga Megan Cooper e la cantante Alejandra Martinez.

PO (Berra) V.

Il concetto di cattura della performance immersiva dell’ingegnere meccanico Nam Nguyen consentirà ai membri del pubblico di vedere un’opera da più prospettive, da un punto di vista privo di tecnologia dal loro posto nell’auditorium alle viste di ciò che i cantanti vedono dal palco. Ciò può essere ottenuto utilizzando telecamere a 360 gradi nascoste nella vista del palco e in caschi personalizzati indossati dagli artisti. I membri del pubblico possono cambiare il loro punto di vista in qualsiasi momento durante la performance utilizzando un telefono cellulare o un tablet.

La San Diego Opera annuncerà presto i piani per una quarta Hack Opera. Il programma è reso possibile da una sovvenzione per l’innovazione di Opera America sostenuta dalla Ann and Gordon Getty Foundation.

Alcuni dei precedenti progetti vincitori di Opera Hacks hanno utilizzato la tecnologia per aiutare le compagnie d’opera a creare e distribuire opere. Un software chiamato Opera Map consentirà alle aziende di definire digitalmente il proprio palcoscenico per la progettazione di una scena utilizzando la tecnologia di progettazione interna drag-and-drop. Il software MusiCue consentirà ai direttori di scena e agli scenografi di includere suoni, luci, proiezioni e spunti musicali in una versione digitale dello spartito. The Performance Stock Exchange creerà un sito Web in cui le compagnie d’opera possono comunicare tra loro sul noleggio di scenografie, costumi, oggetti di scena e altro ancora.

READ  5 cose che non sapevi sul dramma spagnolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.