L’Europa ha bloccato la sua economia. Aprirlo potrebbe essere brutto.

Da quasi un anno ampi settori dell’economia europea sono in una fase di stallo.

Trilioni di dollari in sussidi statali e prestiti poco costosi hanno contribuito a mantenere in vita le aziende, mentre i governi pagano milioni di lavoratori registrati per rimanere a casa. Nella maggior parte dell’Europa, sono vietati licenziamenti o fallimenti forzati.

Nel perseguire politiche come queste, i leader europei scommettono che una volta che la pandemia si sarà placata, potranno sbloccare l’economia di 18 trilioni di dollari della regione, consentendo alle aziende di accendere rapidamente incendi e riportare indietro i lavoratori. È uno sforzo deliberato per rallentare la profonda pulizia economica che molti economisti hanno chiamato distruzione creativa. Ciò riflette una scelta politica: gli europei sono generalmente meno tolleranti nei confronti dei brutali aggiustamenti richiesti dal modello di capitalismo americano.

Ma con l’epidemia che continua a diffondersi e l’introduzione di vaccini in Europa dovrebbe estendersi per tutto l’anno e oltre, alcuni politici, economisti e uomini d’affari temono che un’economia in stallo prolungato farà fatica ad adattarsi alle azioni sismiche e ai cambiamenti sociali la crisi sta guidando. Potrebbe fermare la ripresa economica.

“Tentare di congelare il lavoro al suo posto e come in molti casi è stato un errore fatale, in quanto ritarda la riorganizzazione delle aziende, i nuovi investimenti e le nuove nomine necessarie”, ha detto Carlo Bonomi, presidente della Confederazione italiana dei datori di lavoro. . Mentre l’Europa mantiene l’economia in uno stato di pausa, gli Stati Uniti stanno già creando nuovi posti di lavoro e aziende.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.