La Germania acquisisce una filiale del colosso petrolifero russo Rosneft sotto il controllo statale | Germania

La Germania ha posto la filiale tedesca del colosso petrolifero russo Rosneft sotto il controllo statale e ha posto sotto tutela tre raffinerie prima di un divieto europeo parziale del petrolio russo alla fine dell’anno.

Il ministero dell’Economia tedesco ha annunciato venerdì che il regolatore federale della rete diventerà il gestore fiduciario ad interim di Rosneft Germany e della sua partecipazione nelle raffinerie di Schwedt, vicino a Berlino, Karlsruhe e Vohburg, in Baviera.

Rosneft Germany è la più grande società di lavorazione del petrolio del paese, rappresentando circa il 12% della sua capacità di lavorazione del petrolio greggio.

L’annuncio affermava che il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, annuncerà venerdì maggiori dettagli di un pacchetto per sostenere la raffineria di Schweidt e “garantire forniture di petrolio attraverso rotte alternative”.

La raffineria al confine con la Polonia, importante per fornire benzina alla regione di Berlino-Brandeburgo, ha finora fatto affidamento sulle forniture tramite l’oleodotto Druzhba (“Amicizia”) dell’era sovietica, che trasporta il petrolio russo attraverso l’Ucraina verso l’Europa.

Dopo mesi di dispute, a maggio l’Unione Europea ha accettato un embargo parziale sul petrolio russo, con l’obiettivo di tagliare i fondi per la macchina da guerra del Cremlino. Secondo il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, tre quarti delle importazioni di petrolio russe saranno immediatamente interessate, salendo al 90% entro la fine dell’anno.

In una concessione all’Ungheria, Drogba è stata esentata dal divieto dell’UE, ma Germania e Polonia hanno annunciato l’intenzione di interrompere l’utilizzo dell’oleodotto per la consegna del petrolio a partire dalla fine dell’anno.

READ  Rudy Jade: l'assassino di Meredith Kercher rilasciato in anticipo dal carcere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.