Josh Johnson dell’Oxford United riflette sull’apertura del Crystal Palace e sul viaggio in Italia

Josh Johnson non si riposerà sugli allori dopo aver recitato contro l’opposizione della Premier League.

Il 17enne ha iniziato martedì la sconfitta dell’Oxford United contro il Crystal Palace nella Carabao Cup, impressionando a centrocampo.

Johnson è uno dei tre giovani dell’Accademia degli U nella formazione di Carl Robinson, con James Goulding come terzino destro e Catelyn O’Donkor in testa alla linea.

Per saperne di più: Iscriviti alla nostra newsletter settimanale per tutte le ultime notizie sull’Oxford United

Arriva quando lo United tenta di gestire una crisi di infortunio precoce, dando ai giovani la possibilità di brillare, con otto giocatori della prima squadra non disponibili.

Johnson sa che potrebbero esserci più opportunità nelle prossime settimane ed è ben consapevole che il duro lavoro non si ferma mai.

Ha detto: “Il mio piano è continuare a spingermi e migliorare ogni giorno.

Continuerò ad allenarmi con la prima squadra e cercherò di migliorare come giocatore.

“È stato bello vedere in campo contemporaneamente i giocatori con cui ero in accademia.

“Dimostra che il duro lavoro che mettiamo nella formazione ripaga e abbiamo l’opportunità di mostrare il nostro talento”.

Johnson ha giocato poco più di un’ora nel pareggio del secondo turno contro il Palace, contribuendo in e fuori possesso palla.

È arrivato dopo aver fatto quattro apparizioni in prima squadra la scorsa stagione, tre delle quali sono arrivate a 16 anni al suo debutto contro il Burton Albion nella Carabao Cup.

Verdetto: entusiasmo giovanile e formazione all’altezza – tanti aspetti positivi dalla visita a Palazzo

Johnson è uscito dal campo dei Queen’s Park Rangers nel secondo round della competizione, ma i 9.564 presenti martedì al Kassam Stadium sono stati un passo avanti rispetto all’opposizione.

READ  La Grecia fornirà lo stoccaggio del gas in Italia

L’ex tecnico del Fulham ha dichiarato: “Sono migliorato molto rispetto alla scorsa stagione e mi sono messo in gioco.

“C’erano dei nervi, ma è stato davvero emozionante.

“C’è un’enorme differenza dal calcio under 18 al calcio maschile e poi giocare in Premier League.

“Muovono la palla così velocemente che devi cambiare per tutta la partita”.

Sono passate quindici giorni da quando Johnson è tornato da un viaggio di due settimane in Italia con gli under 19 dello United.

L’U ha vinto entrambe le partite e pareggiato 0-0 con il Parma, ma il tour non è stato solo questione di campo.

I giocatori hanno partecipato ad attività culturali come imparare l’italiano e visitare città tra cui Milano e Bologna.

Leggi anche: Gli arbitri dovrebbero essere autorizzati a spiegare le decisioni chiave, afferma Carl Robinson

È stata un’esperienza preziosa per persone come Johnson, che rivela di sentirne già i benefici.

Ha detto: “Ha aiutato le mie capacità di leadership, essere uno degli anziani del secondo anno (borsa di studio) mi ha aiutato a guidare di più la squadra.

“Lì è stata una bella esperienza.

“Penso di essere più esplicito ora in campo, normalmente mi evito e non parlo troppo, ma penso che sto iniziando a organizzare i giocatori di fronte a me, il che è positivo.

“Se stai tranquillo, non ti aiuta, quindi parlare e comunicare con i tuoi compagni di squadra ti aiuta molto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.