Indignazione perché da oggi Venezia sovraffollata comincia a far pagare l'ingresso in città | notizie dal mondo

Venezia è diventata la prima città al mondo a introdurre un sistema di pagamento per i turisti, con funzionari che effettuano controlli casuali per garantire che le persone fuori dai punti di ingresso abbiano un codice QR. Tuttavia, non tutti sono felici.


Giovedì 25 aprile 2024 alle 11:51, Regno Unito

Da oggi ai visitatori di Venezia verrà addebitata una tassa per entrare nella città italiana, secondo uno schema controverso.

Le autorità affermano che il programma pilota mira a scoraggiare i turisti e ad alleviare la folla che affolla i canali durante l'alta stagione delle vacanze, rendendo la città più vivibile per i residenti.

I cartelli che avvisano i visitatori in arrivo di una nuova tariffa di € 5 (£ 4,28) sono stati affissi durante una fase di prova di 29 giorni fino a luglio fuori dalla stazione ferroviaria principale e da altri punti di ingresso.

Circa 200 host sono stati formati per guidare educatamente chiunque non sia a conoscenza delle tariffe attraverso il processo di download del codice QR, con un chiosco predisposto per chiunque non sia dotato di uno smartphone.



immagine:
I turisti si mettono in fila al centro informazioni per registrarsi e ottenere un codice QR. Foto: Reuters

I funzionari effettueranno controlli casuali sulle persone fuori dai porti di ingresso dalle 8:30 alle 16:00, per garantire che le persone abbiano pagato la tassa di viaggio giornaliero o ne siano state esentate.

I trasgressori rischiano multe che vanno da 50 a 300 euro (da 53 a 257 sterline).

Al di fuori delle ore 8:30-16:00 l'ingresso è gratuito.



immagine:
Un funzionario controlla che il turista abbia un codice QR sul suo smartphone per dimostrare di aver pagato una tariffa giornaliera. Foto: Reuters

“Dobbiamo trovare un nuovo equilibrio tra turisti e residenti”, ha affermato Simone Venturini, responsabile del turismo della città.

READ  Incredulità e confusione al confine di Gibilterra mentre la Spagna vieta l'ingresso ai sudditi britannici

“Dobbiamo ovviamente proteggere gli spazi dei residenti e dobbiamo scoraggiare l’arrivo degli escursionisti in determinati giorni specifici”.

Venezia soffre da tempo delle pressioni dell’overtourism. Molti vengono a vedere un sito patrimonio dell'umanità famoso in tutto il mondo per la sua architettura medievale accatastata in una pittoresca rete di canali.



immagine:
Venezia soffre da tempo di un grave sovraffollamento durante i periodi di punta turistica. file immagine

I funzionari affermano che le stime pre-pandemia tra 25 e 30 milioni di visitatori all’anno – compresi gli escursionisti – non sono affidabili e che il progetto pilota mira anche a fornire numeri più accurati per aiutare a gestire meglio il fenomeno.

Al contrario, il numero di visitatori notturni registrati lo scorso anno è stato di 4,6 milioni, secondo i dati della città, in calo del 16% rispetto ai massimi pre-pandemia.

Venturini ha detto che la città era tesa quando il numero di turisti giornalieri ha raggiunto le 30.000-40.000 persone, affollando i suoi vicoli stretti e sovraffollando i taxi acquei, causando problemi ai residenti nella loro vita quotidiana.

Alcuni residenti però non sono convinti che il piano riuscirà a prevenire il turismo di massa.



immagine:
I manifestanti organizzano una marcia contro l'imposizione di tasse di registrazione e turistiche per visitare Venezia. Foto: Reuters

Alcuni sostengono che bisognerebbe prestare maggiore attenzione al rilancio della popolazione residente e dei servizi di cui ha bisogno.

Venezia ha raggiunto un traguardo importante lo scorso anno quando il numero dei posti letto turistici ha superato per la prima volta la popolazione ufficiale, che oggi nel centro storico conta meno di 50.000 unità.

Tommaso Cacciari, un attivista che oggi ha organizzato una protesta contro le misure, ha detto: “Un biglietto per entrare in una città non ridurrà nemmeno di una unità il numero di visitatori in arrivo”.



immagine:
La protesta ha avuto luogo mentre i turisti continuavano a visitare. Foto: Reuters

“Si paga il biglietto per prendere la metro, per andare al museo, al parco, e non si paga il biglietto per entrare in una città. È l'ultimo passo simbolico dell'idea progettuale di questa amministrazione comunale che farà partire i residenti fuori Venezia.”

READ  Tutti coloro che hanno un account WhatsApp hanno emesso un avviso urgente sui messaggi falsi di amici e familiari

Un'altra attivista, Marina Rodino, ha aggiunto: “Questo non è un museo. Questa non è Pompei. È una città, nella quale dobbiamo lottare affinché le famiglie possano vivere nelle case e i negozi possano riaprire. Questo è cosa potrebbe combattere questo turismo selvaggio.” “.

Anche alcuni turisti si sono detti contrari alla nuova accusa.

Gabriella Papada, di Lecce, nel sud Italia, ha dichiarato: “Penso che Venezia sia la città più bella del mondo, quindi privare qualcuno con un budget basso dell’opportunità di venire qui per un’ora o due per godersi questa città è inappropriato”. “Sicuramente un peccato per questi turisti.”



immagine:
Le persone si sono scontrate con la polizia mentre protestavano contro l'imposizione di tasse di registrazione e turistiche per visitare Venezia. Foto: Reuters

Questa è un'edizione limitata della storia, quindi sfortunatamente questo contenuto non è disponibile.

Sblocca la versione completa

Ma Venturini ha detto che circa 6.000 persone hanno già pagato per scaricare il codice QR, e le autorità si aspettano che il numero di arrivi giornalieri pagati oggi raggiunga circa 10.000.

Oltre 70mila altre persone hanno scaricato il codice QR indicante l'esenzione, anche lavorando a Venezia o essendo residenti in Veneto.

Venturini ha osservato che Venezia potrebbe non essere l'ultima grande città europea a imporre tariffe d'ingresso.

Ha detto che il programma pilota è attentamente monitorato da altri luoghi alle prese con il turismo di massa, comprese altre città d'arte italiane e punti caldi del fine settimana a Barcellona e Amsterdam.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *