Donald Trump lotta per rimanere nel ballottaggio del Colorado durante l'udienza della Corte Suprema

Gli avvocati di Trump hanno avanzato diverse argomentazioni, ora respinte, sul perché Sezione 3 del quattordicesimo emendamento La Costituzione americana non si applica ad esso.

La sezione 3 vieta a un “ufficiale degli Stati Uniti” che ha prestato giuramento e ha partecipato all'insurrezione di ricoprire qualsiasi carica pubblica.

Tuttavia, gli avvocati di Trump hanno sostenuto che come presidente “non era un ufficiale degli Stati Uniti” come definito nell'articolo 3. Pertanto, dicono, questo non si applica a lui.

Un’altra difesa offerta dagli avvocati di Trump è che la questione dell’eleggibilità alla presidenza non è una questione che deve essere risolta dai tribunali. Invece, dicono, la Costituzione riserva questo diritto al Congresso.

Gli avvocati di Trump hanno anche cercato di sostenere che il suo linguaggio del 6 gennaio proteggeva la libertà di parola e che i suoi commenti quel giorno non lo rendevano responsabile di aver preso parte all’insurrezione.

Robert Tsai, professore di diritto costituzionale alla Boston University, ha dichiarato alla BBC: “Penso che gli avvocati di Trump avranno difficoltà a sapere chi otterrà cinque voti” – il totale dei voti necessari per ottenere la maggioranza semplice tra i nove giudici.

“Qual è l'opinione che sembra meno dannosa e che ribalta la sentenza della Corte Suprema del Colorado? Questo è ciò che i giudici della Corte Suprema cercheranno”, ha detto Tsai.

READ  Meteo tracker: l'ondata di caldo spazza il nord in tutta Europa | Europa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *