Le università hanno chiesto di spiegare i criteri “sfavorevoli” per le offerte

Alle università verrà chiesto di spiegare come giudicano se qualcuno è “svantaggiato” dall’autorità di regolamentazione dell’istruzione superiore.

La Segreteria studenti si prepara a lanciare la prossima settimana una consultazione sui nuovi requisiti per i piani di “Accesso e Partecipa” dell’Ateneo che chiedono alle università di spiegare le procedure con le quali fare più offerte agli alunni più poveri.

John Blake, Direttore di Equitable Access and Engagement presso il Consiglio studentesco, ha affermato che il settore dell’istruzione superiore deve avere una “conversazione” sulle “enormi intersezioni tra diversi tipi di privazione e le misure e le metriche appropriate per affrontare la privazione per determinati gruppi. ”

Ha riconosciuto che l’utilizzo delle regioni del codice postale dei candidati per determinare il loro svantaggio, che attualmente supporta gli obiettivi nazionali per l’accesso all’università, non può essere utilizzato “solo” per risolvere la sfida dell’ammissione equa.

Metodo più accurato

“Spero che la struttura con cui andremo avanti nell’ambito della consultazione che prevediamo di lanciare la prossima settimana fornisca almeno un po’ di conforto a coloro che pensano che ci sia un modo più rigoroso per selezionare coloro che hanno bisogno di supporto in e attraverso istruzione”, ha detto a un evento marginale a una conferenza del partito. Lavoro che hai ospitato Istituto di politica dell’istruzione superiore.

Arriva in un momento in cui le università stanno affrontando accuse Discriminazione degli adolescenti della classe media.

Servizio di ammissione all’università e all’università Dati diffusi la scorsa settimana ha mostrato che i diciottenni provenienti dai contesti più ricchi erano l’unico gruppo che ha registrato una diminuzione del numero Posti sicuri quest’anno.

READ  Zelensky definisce "l'inferno" l'offensiva russa nel Donbass

Lunedì, l’Università del Sussex ha affermato che circa una su cinque delle sue offerte è “contestuale”, il che significa che i candidati hanno bisogno di punteggi più bassi per vincere un posto perché hanno affrontato “sfide che potrebbero aver influenzato la loro istruzione”.

Il signor Blake ha affermato che le università hanno abbassato i requisiti di laurea alunni “svantaggiati”. Era ingiusto nei confronti dei discepoli ricchi con voti più alti.

Ha detto: “Fondamentalmente, rovina l’affare Aspiranti genitori della classe media Si sentono come se l’avessero fatto con il governo: pagano le tasse, mandano i figli a scuola e si aspettano che abbiano una buona scossa all’università, comprese quelle molto selettive”.

L’ammissione contestuale, ha detto, è “cattiva perché rende il sistema di ammissione più complesso, perché crea veri problemi di equità e … quegli studenti che hanno attraversato il settore scolastico e ottengono i voti che pensavano avrebbero dato loro accesso, ma si sono trovati perdenti rispetto ad altri che avrebbero potuto ottenere titoli di studio inferiori.

Tuttavia, ha affermato che sono “necessari perché in parte riguardano la correzione delle carenze della disuguaglianza che presentiamo nei nostri anni più giovani”.

Guida alle politiche

Ha anche detto che “rifiuta totalmente” l’idea che “c’è qualcosa di intrinsecamente buono nell’accettare studenti provenienti da contesti svantaggiati, indipendentemente dalla qualità dei corsi a cui frequentano”.

“Penso che ci sia un punto in cui parli di studenti che, per ragioni molto diverse, potresti pensare abbiano avuto una vita molto difficile e meritino la possibilità di non essere in grado di risolvere questi problemi da soli. E se lanci in biblioteca e si aspettano che nuotino, abbandoneranno la scuola, e penso che sia un peccato per loro, ma è anche molto ingiusto.

READ  L'Italia impedisce ai migranti maschi di sbarcare dalla nave di salvataggio

Blake spiegherà il nuovo approccio dell’autorità di regolamentazione all’accesso e alla partecipazione martedì in un discorso a fondazione del movimento sociale.

Da quando è entrato a far parte dell’autorità di regolamentazione a gennaio, l’ex insegnante ha spinto le università a fare di più per condividere le prove politiche che hanno lavorato per aiutare “a garantire che tutti coloro che considerano l’istruzione superiore ricevano il miglior supporto, consiglio e intervento possibile per realizzare le loro aspirazioni”.

Ha anche invitato le università a concentrarsi maggiormente sull’aiutare a migliorare l’istruzione dei bambini prima di passare all’istruzione superiore.

“Sarebbe molto meglio se arrivassimo a un punto in cui non abbiamo bisogno di implementare questo tipo di strumenti perché non abbiamo visto emergere quelle disparità a 16 e 18 anni”, ha affermato.

La professoressa Sasha Rosnell, vicecancelliera dell’Università del Sussex, ha detto all’evento marginale di ritenere che espandere la partecipazione fosse “intrinsecamente positivo” e di voler aumentare la percentuale della cosiddetta “accettazione contestuale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.