Il restringimento delle mappe è un problema per i capi di rugby

L’European Rugby Cup ha sempre avuto un problema di geografia, poiché il suo titolo si riferisce a un evento tutto continentale dalla penisola di Dingle agli Urali e vari punti intermedi.

Coloro che l’hanno creata prima della fine del secolo scorso sono partiti con vero spirito imprenditoriale, ignorando il fatto che l’Europa si era ridotta a sei paesi: Francia, Irlanda, Italia, Romania, Scozia e Galles. I club inglesi sono rimasti fuori, protestando contro la loro unione piuttosto che una finta corsa alla Brexit.

Sono tornati in sé e gli organizzatori si sono avventurati nel credere di avere lo zelo evangelico per diffondere il vangelo e mostrare un’altra icona del calcio ai non credenti in Europa. Cliff Britel, allora presidente della Federazione Russa, ha sottolineato l’altezza della loro ambizione: “Ciò di cui abbiamo bisogno è una Germania forte”. Il gioco sarà una questione di tempo. La cosa più vicina a un Bayern Monaco di 15 uomini, l’Heidelberger Ruederklub, fece una breve apparizione qualche anno dopo nelle competizioni europee minori.

Sono scomparsi, proprio come qualsiasi altro club al di fuori dell’élite del Sei Nazioni. Più i regolatori cercavano di attraversare i confini e trovare nuovi pascoli, più spesso erano costretti a una frettolosa ritirata, inizialmente dalle coste romane sul Mar Nero.

Farol Constanta ha fatto parte della piccola squadra di scouting nelle prime due stagioni di Coppa dei Campioni, e pochi se lo ricordano da così tanto tempo. Non si sono più visti da allora, nemmeno la Dinamo Bucarest, l’Associacao Coimbra del Portogallo (sconfitto dal Bordeaux per 205-6), El Salvador del Valladolid, Siciliani del Catania e La Moralia Alcobendos, un sobborgo di Madrid ricco che un tempo rendeva i suoi abitanti tra questi, David Beckham e Ronaldo.

L’Europa, riconfigurata in miniatura per adattarsi alla Heineken Cup, ha continuato a rimpicciolirsi. Le squadre italiane hanno continuato ad affondare senza lasciare traccia (annegata da Viadana 147-10 da Newcastle, Leonesa 113-3 da Claremont) che anche il Champions Trophy alla fine non poteva continuare ad accettare un ‘campione’ italiano dalle profondità di PRO12.

E così si ritrovano al punto di partenza, sbarrando i varchi in un’Europa ridotta a sole cinque nazioni, le sei meno una (l’Italia). Il fallimento collettivo del quartetto regionale ha lasciato il gallese sospeso in un posto.

READ  James Rodriguez potrebbe lasciare l'Everton al Milan

Il grande piano per un evento europeo di terzo livello per club di Spagna, Germania, Belgio, Georgia, Russia, Portogallo e Romania è durato due stagioni prima di essere abbandonato come un brutto lavoro.

Vaste aree del continente, dai Balcani alla Scandinavia, rimangono intatte, così come lo stato di molti paesi apatici nell’investire in uno sport che molti considerano chiuso in un giubbotto anglofono, ad eccezione della Francia e delle oasi dell’Argentina in Sud America. E il Cile.

È come se i successori dei seguaci di New Frontiers da quasi 30 anni avessero imparato la lezione e cambiato rotta per un continente diverso e una terra più fertile.

Le concessioni in Sud Africa darebbero a irlandesi, francesi e britannici una corsa ai loro soldi che l’Europa continentale non aveva alcun interesse a offrire e non avrebbe mai avuto.

esposizione nord

L’Ulster ha sopportato la sua parte di colpi sulla scena europea, ma nessuno come l’eliminazione di Sale a Manchester ieri. Questa è stata la mia prima volta nella provincia settentrionale, ed è un esercizio inutile in senso letterale, figurato e in ogni altro modo.

Un’indagine più lunga del solito su Ravenhill questa mattina esaminerà perché le cose sono andate così male, non solo l’entità della sconfitta (39-0) ma anche la frustrante incapacità di sparare un solo colpo in risposta.

Per i sostenitori di un certo pezzo antico con ricordi identici, questo avrà innescato vaghi ricordi della prima partita dell’Ulster della stagione inaugurale dell’Europa, contro il Cardiff all’Arms Park nel novembre 1995.

Dopo che lo sport era stato professionalizzato tre mesi prima, l’IRFU ha offerto alla sua squadra nazionale di 35 uomini £ 26.000 a uomo nelle Cinque Nazioni di quella stagione. La squadra irlandese dell’Ulster include metà di loro nel viaggio di Cardiff, come sperano di vincere il loro terzo Gran Premio, Mark McCall.

Il suo bonus di vittoria è svanito oltre i 40 punti. I Wasps ne diedero uno ancora più grande due anni dopo (56-3), l’Ulster aveva imparato la lezione così bene che in poco più di dodici mesi portarono a casa la Heineken Cup da Lansdowne Road, aiutati e incoraggiati dai club della contea inglese.

READ  Denis Shapovalov emette una violazione della regola del salto in rete, dice ai fan di "chiudere il gioco" nell'open crash italiano

Non c’era nemmeno la minima traccia di un lato positivo in un giorno in cui Sale avrebbe potuto vincere per 50. “È facile dire che l’Ulster era cattivo”, ha recentemente detto un veterano Rory Best ai telespettatori di BT Sport. “Ed erano cattivi.”

Leinster segnato

Mentre un venerabile continua a mostrare cosa serve per vincere una Coppa del Mondo, un altro si è affidato a un compagno di Dublino per dimostrare perché il Leinster è ancora la squadra da battere nell’altra Coppa dei Campioni.

Il ruolo di successo di Ross Byrne come sostituto di Johnny Sexton ha inviato un messaggio che risuona forte e chiaro fino ai castelli Springbok di Pretoria e Città del Capo: ci vorrà qualcosa di speciale per impedire al Leinster di raggiungere la finale di Dublino il prossimo maggio.

Solo loro possono ignorare gli effetti di una corsa di 14 ore e avere l’audacia di far sembrare i purosangue in una gara un gruppo di corridori spericolati.

Per le contee irlandesi di maggior successo, il viaggio è stato un altro esercizio per aprire nuovi orizzonti, in questo caso lo Stade Oceane.

Il Racing ha preso in prestito la casa del Le Havre FC perché la sua arena al coperto a Parigi era stata prenotata per un’offerta di vendita da parte di Aurelien Contentin, meglio conosciuto come il rapper francese Orelsan.

Volontà gallese

L’allenatore in attesa dell’Inghilterra Steve Borthwick ha vissuto una gelida serata ieri sera a Swansea, felice di rendersi conto che, in un mondo in continua evoluzione, una cosa rimane la stessa: le squadre gallesi continuano a perdere nella Heineken Cup.

La vittoria per 23-17 del Leicester sugli Ospreys ha portato a 21 punti la serie di sconfitte delle regioni gallesi negli European Blues. fine settimana.

“Sono completamente concentrato sulla partita contro Claremont sabato prossimo”, ha detto a BT Sport.

READ  Newcastle "pazzo pronto" per l'attaccante legato al Manchester United mentre l'obiettivo del trasferimento osserva l'accordo di scambio Chelsea-Juventus

Ha detto: “L’opposizione ha giocato 650 partite internazionali. “Mi è stato detto prima della partita che quando Alun Wayne Jones ha fatto il suo debutto, Ole Chissum (il blocco di prova del Leicester) aveva tre anni.

La partita è stata anche un’altra pietra miliare nella dinastia di prima classe fondata da Frank Whitcombe nella sua città natale di Cardiff 90 anni prima. James Whitcombe, 22 anni, è il pronipote del Leicester e la quarta generazione a giocare ai massimi livelli del club.

condizioni di prova

Come al solito, Thomond Park ha ospitato la folla più numerosa del fine settimana quando la nebbia ha fatto del suo meglio per spingere il sistema radar per Thomas Ramos dietro l’angolo. Ad un certo punto, ha suscitato l’oscurità che lo circondava con le vane speranze di salvare Munster.

Mentre la nebbia si addensa durante il secondo tempo, Ramos non sopportava di guardare, come se avesse perso le tracce di un rigore. Fortunatamente per il Tolosa, la palla è ricomparsa prima di navigare tra le traverse.

Partite più grandi sono state giocate in condizioni molto peggiori, in particolare la partita Nuova Zelanda-Scozia all’Eden Park nel 1975, il “test di pallanuoto”. Due giorni di pioggia continua hanno lasciato sott’acqua ampie zone dello stadio. Nonostante l’evidente pericolo di affondamento, la partita è andata avanti, con sorpresa del grande esterno degli All Black Brian “BJ” Williams che ha segnato una delle due mete in una vittoria casalinga di routine.

“È come il lago Eden”, ha detto. “Forse non doveva essere suonato.”

squadra del fine settimana

15 Anthony Watson (Leicester) 14 Ethan Dumortier (Lione) 13 Gary Ringrose (Leinster) 12 Rory O’Loughlin (Exeter) 11 Matthys Leibel (Tolosa) 10 Ross Byrne (Leinster) 9 Tawera Keir-Barlow (La Rochelle) 1 Nicky Smithy (Ospreys) 2 Julien Marchand (Toulouse) 3 Davit Kubriashvili (Clermont) 4 Jason Jenkins (Leinster) 5 James Ryan (Leinster) 6 Nizam Carr (Bulls) 7 Josh Van der Vlaer (Leinster) 8 Kellan Doris (Leinster)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.