Amazon fa causa ai gestori di 10.000 gruppi Facebook per commenti falsi

Amazon ha citato in giudizio i gestori di oltre 10.000 gruppi Facebook accusandoli di orchestrare recensioni false in cambio di denaro o prodotti gratuiti.

Il gigante dell’e-commerce con sede a Seattle ha affermato in a dichiarazione Pubblicati sul suo sito Web martedì, i gruppi Facebook sono stati creati per reclutare persone “disposte a pubblicare recensioni stimolanti e fuorvianti” nei suoi negozi negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Germania, Francia, Italia, Spagna e Giappone.

Il problema con le recensioni false non è nuovo per Amazon o per l’e-commerce nel suo insieme. La stessa Amazon in precedenza aveva citato in giudizio persone che fornivano false testimonianze, anche se legislatori e autorità di regolamentazione si sono chiesti se la società stesse facendo abbastanza per combattere il problema. L’anno scorso, le autorità di regolamentazione della concorrenza del Regno Unito hanno avviato un’indagine per verificare se il rivenditore online e Google stessero adottando misure appropriate per proteggere gli acquirenti.

Nella dichiarazione, Amazon ha affermato che uno dei gruppi di Facebook a cui mirava, chiamato “Amazon Product Review”, ha più di 43.000 membri. La società ha affermato che Facebook ha rimosso il gruppo quest’anno, ma che è stato in grado di evitare il rilevamento da parte della piattaforma “cambiando caratteri in frasi che potrebbero attivare avvisi di Facebook”.

Notato da Amazon dal 2020, ha segnalato più di 10.000 gruppi di recensioni false a Meta, la società madre di Facebook. Amazon ha affermato che Meta ha rimosso metà di questi gruppi e sta indagando sugli altri.

L’annuncio del rivenditore arriva mentre un altro aspetto delle operazioni dell’azienda deve affrontare un maggiore controllo. Martedì, funzionari federali del lavoro hanno confermato all’Associated Press che l’amministrazione per la sicurezza e la salute sul lavoro ha aperto le ispezioni presso le strutture Amazon a New York, Illinois e Florida dopo aver ricevuto segnalazioni per presunte violazioni della sicurezza e della salute dall’ufficio del procuratore degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York. .

READ  Le Nazioni Unite hanno concluso che la pandemia di Coronavirus sta causando una perdita di $ 10 trilioni per l'economia globale

I funzionari federali del lavoro sono entrati nei magazzini di Amazon lunedì mattina dopo che il loro ufficio ha riferito di “potenziali rischi sul posto di lavoro”, inclusa la “velocità richiesta per l’azione di Amazon per i dipendenti del magazzino”, ha affermato Nicholas Biasi, portavoce dell’ufficio del procuratore degli Stati Uniti a New York.

I difensori del lavoro e della sicurezza hanno a lungo criticato i tassi di infortuni di Amazon e il suo strumento di “congedo dal lavoro”, che spinge i lavoratori a fare più pause del necessario. Biasi ha affermato che la divisione civile dell’ufficio del procuratore degli Stati Uniti sta indagando sui rischi per la sicurezza nei magazzini dell’azienda in tutto il paese, nonché su “comportamenti fraudolenti progettati per nascondere le ferite dell’OSHA e di altri”.

Andy Gacy, CEO di Amazon, ha ammesso in una lettera agli azionisti lo scorso aprile che i tassi di infezione dei magazzini dell’azienda erano “leggermente sopra la media” rispetto ad altri magazzini. Ma Gacy ha affermato che il lato “corriere e consegna” delle loro operazioni ha visto tassi di infezione inferiori, rendendo l’azienda quasi “nella media” rispetto ai suoi colleghi.

“Ovviamente collaboreremo con l’OSHA alle loro indagini e riteniamo che alla fine dimostrerà che queste preoccupazioni sono infondate”, ha affermato la portavoce di Amazon Kelly Nantel in una nota.

L’ufficio del procuratore degli Stati Uniti incoraggia gli attuali ed ex magazzinieri di Amazon a farlo Segnalazione problemi di sicurezza sul lavoro direttamente a loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.