15mila manifestanti condannati a morte in Iran? | Notizie sull’illustrazione

La magistratura iraniana ha confermato che due persone sono state condannate a morte in casi legati alle proteste.

Teheran, Iran – Le notizie sono circolate ampiamente sui social media e nelle notizie secondo cui lo stato iraniano ha condannato a morte quasi 15.000 persone per la loro partecipazione a due mesi di proteste nel paese.

Newsweek ha riferito per la prima volta che è stato così ampiamente riportato che Justin Trudeau, il primo ministro canadese, ha twittato sull’affermazione, dicendo: “Il Canada condanna la barbara decisione del regime iraniano di imporre la pena di morte a quasi 15.000 manifestanti”.

I manifestanti preoccupati sono scesi in piazza quasi ogni giorno dalla morte del 16 settembre in custodia di Mahsa Amini, una donna di 22 anni che è stata arrestata dalla polizia morale del paese a Teheran per presunto mancato rispetto del codice di abbigliamento femminile iraniano . .

Ma Trudeau in seguito ha cancellato il tweet e Newsweek ha corretto la sua storia.

Diamo un’occhiata più da vicino:

Il numero 15.000 è reale?

  • Mentre migliaia di persone sono state arrestate in Iran e alcune sono state condannate a morte, i numeri non si avvicinano neanche lontanamente ai 15.000 dichiarati.
  • La cifra 15.000 è il numero di persone che si ritiene siano state detenute, secondo organizzazioni per i diritti umani e media con sede all’estero. Le stesse fonti hanno affermato che più di 350 manifestanti sono stati uccisi.

Da dove viene la storia di 15.000 esecuzioni?

  • La notizia delle esecuzioni sembra derivare da una dichiarazione firmata da 227 dei 290 parlamentari iraniani secondo cui le persone impegnate in “moharebeh” (che fanno guerra a Dio) dovrebbero essere trattate “con decisione” con una risposta che “dasse l’esempio” .
  • Insieme alla “corruzione sulla terra”, moharebeh è tra le accuse utilizzate dalla magistratura iraniana che possono portare alla pena di morte, da qui la falsa accusa che ha portato a sostenere che 15.000 persone siano state condannate a morte.
  • La dichiarazione è stata criticata online e alcuni legislatori hanno cercato di chiarire la loro posizione dicendo che non intendevano eliminare tutti i manifestanti.
  • Giorni dopo, ha iniziato a circolare online un documento che presumibilmente mostrava i nomi di 227 parlamentari in una lettera che chiedeva alla magistratura di trattare tutti gli arrestati durante le proteste come coinvolti nel moharebeh.
  • Tuttavia, la lettera sembra essere falsa poiché l’elenco dei parlamentari è vecchio e include ex membri del Parlamento. Ad esempio, Ishan Khandozi, incluso nella lettera, è ministro dell’Economia sotto il presidente Ebrahim Raisi dall’agosto 2021. Anche la magistratura iraniana ha respinto l’autenticità della lettera.
READ  Volodymyr Zelensky descrive la spedizione di grano come un "segnale positivo", ma fornisce una dura verità

Quante persone sono state condannate a morte?

  • Solo perché i rapporti esagerati sono stati smascherati non significa che le condanne a morte non saranno emesse. Domenica scorsa, la magistratura iraniana ha annunciato l’emissione della prima condanna a morte contro una “rivolta” anonima con l’accusa di moharebeh, “corruzione sulla terra”, “appiccare il fuoco a un centro governativo, disturbo dell’ordine pubblico e collusione per commettere crimini contro la nazione sicurezza.”
  • Mercoledì la magistratura ha annunciato una seconda condanna a morte legata alla protesta. Questa persona è stata anche accusata di moharebeh per “aver usato un coltello in strada per creare paura e terrore nelle persone, aver dato fuoco a una motocicletta e aver attaccato e ferito una persona con un coltello”.

  • Diverse altre persone, i cui nomi non sono stati resi noti, hanno anche ricevuto tra i cinque ei 10 anni di carcere per accuse di sicurezza nazionale.
  • La magistratura ha affermato che le sentenze emesse a Teheran sono preliminari e avrebbero bisogno dell’approvazione della corte d’appello per diventare definitive, dopodiché i dettagli potrebbero essere resi pubblici.
  • Funzionari giudiziari hanno affermato che più di 1.000 incriminazioni sono state emesse contro “sognatori” a Teheran, molti in altre parti del paese.

Quali sono gli ultimi sviluppi delle proteste?

  • Le proteste hanno continuato a diffondersi in tutto il paese, con video che appaiono ogni giorno nonostante le severe restrizioni di internet imposte fin dall’inizio.
  • Martedì e mercoledì si sono svolti proteste e scioperi per commemorare le proteste del 2019 in tutto il paese.
  • Le autorità iraniane si sono astente dal pubblicare statistiche ufficiali sul numero di persone uccise, ferite o arrestate durante le proteste. Ma hanno detto che più di 40 membri delle forze di sicurezza sono stati uccisi.
READ  Il cane poliziotto più giovane del mondo muore poche ore dopo il sindaco che lo ha servito | Notizie dagli Stati Uniti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.