SpaceX rivela il design della tuta EVA mentre la missione Polaris Dawn si avvicina

ORLANDO, Florida – SpaceX ha svelato le tanto attese tute spaziali per passeggiate nello spazio che verranno utilizzate per la prima volta in un prossimo volo spaziale privato.

L'azienda ha rivelato sul suo schermo il design della tuta per attività extraveicolare (EVA). sito web e sui social media il 4 maggio. La tuta si basa sulle tute pressurizzate esistenti indossate dagli astronauti sui voli della Crew Dragon, ma, a differenza di quelle tute, è destinata all'uso nelle passeggiate spaziali.

Gli aggiornamenti della tuta includono nuovi design delle giunture che rimangono morbide sotto pressione mantenendo la mobilità, una migliore gestione termica e un casco aggiornato con uno strato esterno che funge da protezione solare insieme a una fotocamera e un display head-up che fornisce informazioni sulle condizioni della tuta durante una passeggiata nello spazio. Le secrezioni forniscono supporto vitale alle tute.

Le tute verranno indossate per la prima volta durante la missione Polaris Dawn, il volo spaziale privato della Crew Dragon che fa parte del programma di missione Polaris sostenuto dal miliardario Jared Isaacman. Volerà quella missione con Cade Poteet, Sarah Gillies e Anna Menon. I quattro indosseranno delle tute perché la Crew Dragon, priva di camera di equilibrio, dovrà decomprimersi per la passeggiata spaziale.

La passeggiata spaziale durerà circa due ore, compreso il tempo per depressurizzare inizialmente la cabina e ripressurizzarla alla fine, ha detto Gillis in una discussione sui social media ospitata da SpaceX il 4 maggio. Due persone emergeranno dalla capsula utilizzando un dispositivo chiamato “Skywalker” nel portello anteriore con maniglie e fasce per aiutarle a passare attraverso il portello.

READ  SpaceX aborts its third spacecraft launch attempt minutes before ignition

Gli astronauti saranno sottoposti ad un “test array” per raccogliere dati sulle prestazioni delle tute EVA. “Questo esamina la mobilità, il movimento in un ambiente di microgravità e le prestazioni della tuta”, ha affermato. “Ci sono tutta una serie di domande di prova a cui verrà data risposta durante il tempo trascorso fuori dalla navicella spaziale”.

Le tute sono state ampiamente testate sulla Terra, incluso un test in cui l'intera capsula della Crew Dragon è stata collocata in una camera a vuoto e la cabina è stata depressurizzata utilizzando quattro “simulatori di tute spaziali” all'interno. “Tutto è andato come previsto”, ha affermato Stu Kish, vicepresidente di Dragon presso SpaceX. “Ciò equivale al volo senza pilota Demo-1” del veicolo Crew Dragon nel 2019.

La passeggiata spaziale ha richiesto anche modifiche al veicolo Dragon stesso, come un sistema di ricompressione per ripristinare la pressione nella cabina dopo una passeggiata spaziale e la modifica di alcuni materiali in base alle loro proprietà di degassamento. “L'interno apparirà un po' diverso quando vedrai le foto di noi seduti nella navicella spaziale”, ha detto Gillis.

Le tute verranno utilizzate anche come tute pressurizzate da indossare durante il lancio e il rientro nelle tipiche missioni della Crew Dragon. SpaceX prevede di combinare le due tute in una sola, con alcune modifiche già incorporate nelle tute pressurizzate a partire dalla missione Crew-6 sulla base di ciò che l'azienda ha imparato dallo sviluppo delle tute EVA.

“Questa tuta è destinata a essere la nostra prima tuta EVA e quindi, come con tutti i prodotti SpaceX, continueremo con gli aggiornamenti alla suite man mano che andiamo avanti e impariamo”, ha affermato Kish.

READ  Discover the oldest and most distant quasar and a supermassive black hole

Piani Polaris Down

La passeggiata spaziale è una parte fondamentale della prossima missione Polaris Dawn e lo sviluppo della tuta spaziale è stato fondamentale per accelerare il volo, previsto per la fine del 2022 ma da allora è stato ritardato più volte.

Il lancio di Polaris Dawn è ora previsto per l'inizio dell'estate e SpaceX ha espresso fiducia che il programma continuerà. “Polaris Dawn è la prossima grande operazione per il programma Dragon”, ha detto Kish. “In questo momento, l'intero team si sta muovendo verso una data di lancio prevista per l'inizio dell'estate di quest'anno.”

Menon ha affermato che il lancio del razzo Falcon 9 per la missione Polaris Dawn collocherà la navicella spaziale Crew Dragon in un'orbita ellittica che misura 190 x 1.200 chilometri. La navicella spaziale raggiungerà quindi la quota di 1.400 chilometri, l'altitudine più alta per una missione con equipaggio dai tempi della missione Apollo 17 con equipaggio del 1972.

Dragon rimarrà in quell'apogeo per circa sette orbite, raccogliendo dati sull'aumento delle radiazioni ambientali, prima di scendere a 700 chilometri. Questa è l'altitudine alla quale la missione condurrà l'EVA. Isaacman ha affermato che la missione rimarrà in orbita per cinque giorni, per condurre esperimenti e testare la capacità della navicella di comunicare tramite la costellazione Starlink di SpaceX.

Il profilo di volo, con la sua maggiore altitudine e la passeggiata spaziale, porta con sé nuovi rischi. SpaceX ha valutato il rischio che radiazioni e detriti orbitali abbiano un impatto su questo profilo di volo, ha affermato Kish. “La missione Polaris Dawn, per entrambi, rientrerebbe nei rischi che accettiamo per una missione ISS di sei mesi”, ha affermato. “Vogliamo essere sicuri di non correre rischi inutilmente, ma è necessario crescere e farlo in modo sistematico.”

READ  Le migliori immagini dell'incontro mortale di DART con un asteroide

“Siamo certamente costantemente aggiornati sulle differenze tra la nostra missione e il file normale, e siamo davvero sollevati che siano state affrontate”, ha detto Isaacman.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *