Quello che stiamo guardando oggi: il K-drama “Extraordinary Attorney Woo” in onda su Netflix

Ithra Arabia Saudita rilascerà “Al-Hijrah: Sulle orme del Libro del Profeta, che le preghiere e la pace di Dio siano su di lui”

Dhahran: La Saudi Travel Fair, aperta ad agosto per celebrare il capodanno islamico, è stata racchiusa in un nuovo libro che uscirà a dicembre.

In 240 pagine, The Hijra: In the Footsteps of the Prophet documenta il viaggio storico del profeta Maometto dalla Mecca a Medina 1400 anni fa.

La mostra, su cui si basa il libro, proseguirà presso il King Abdulaziz Center for World Culture (Ithra) a Dhahran fino alla primavera del prossimo anno.

(fornito)

Anche il dottor Idris Trivathan, ricercatore in studi islamici e curatore della galleria Ithra, ha svolto un ruolo chiave nella cura e nella modifica del libro.

Diviso in sette capitoli, un numero spesso associato alla spiritualità, Trivathan ha portato come collaboratori illustri studiosi Abdullah Al-Qadi, Kamil Al-Masali, David Stephen Cassuit, Hamza Yusuf, Ovidio Salazar e Talia Kennedy.

È stato anche assistito da esperti nel tentativo di mettere insieme la narrazione utilizzando geografia, narrazione e paesaggi insieme a immagini ad alta risoluzione del percorso reale.

Nell’introduzione al libro, il direttore di Ithra Abdullah Al-Rashed ha dichiarato: “Crediamo umilmente che questo volume e questa mostra rappresentino veri e propri passi avanti, conoscenza, scienza e comprensione tra tutti i popoli e le religioni.

La nostra speranza è che man mano che impariamo di più sulla migrazione, saremo incoraggiati a emulare i valori e le pratiche di coloro che hanno viaggiato e che questo porterà a una maggiore comprensione, empatia e tolleranza.

“Siamo fiduciosi che i nostri sforzi porteranno a ulteriori ricerche e approfondimenti man mano che i futuri scienziati costruiranno questo lavoro e lo utilizzeranno per saperne di più”.

Quanto agli altri aggressori, a scriverli sono Farah Abu Shleih, presidente dell’Ithra Museum, Anas Saleh al-Sirafi, segretario generale della Islamic Arts House, e Laila al-Fadagh, direttrice del Museo Nazionale dell’Arabia Saudita.

Trevathan ha detto ad Arab News: “L’Egira è tradotto come Egira e si riferisce alla migrazione del Profeta con il suo compagno più vicino, Abu Bakr, dalla Mecca a Medina nell’anno 622, che è esattamente 1400 anni fa.

“La migrazione è importante per i musulmani di tutto il mondo, il passare del tempo segna l’inizio del calendario islamico.

“È molto importante nel senso che è una storia fondamentale per un miliardo di musulmani in tutto il mondo. Definisce letteralmente l’identità di queste persone dal lontano Marocco, fino all’Indonesia.

“Quando abbiamo esaminato la storia dell’immigrazione, ci siamo resi conto che non c’era mai una mostra o un film su di essa, ed è un evento molto, molto importante. E così, poco meno di quattro anni fa, abbiamo pensato, beh, arricchisci, abbiamo deciso di rimediare alla situazione e abbiamo creato una mostra sull’immigrazione, e la mostra di oggi è I frutti del nostro lavoro.

“È stato un vero lavoro d’amore, ha coinvolto studiosi, artisti, persone, individui e istituzioni di tutto il mondo. È stato davvero uno sforzo collettivo. Siamo orgogliosi e veramente onorati di poterlo condividere con il pubblico”.

“In concomitanza con questa mostra, abbiamo anche prodotto un catalogo per la mostra. Ciò che distingue questo tipo di catalogo è che contiene capitoli di molti autori ospiti e molti illustri studiosi di tutto il mondo, tra cui il dottor Abdullah Al-Qadi, che è considerato il riferimento nell’immigrazione e una delle biografie più importanti del profeta Maometto, che Dio lo benedica e gli conceda la pace, oggi.

“Abbiamo anche una lezione per lo sceicco Hamza Yusef di Berkeley, in California. Abbiamo anche lezioni per gli studiosi di Ithra.

“Ciò che distingue questo libro, e diverso da altri libri pubblicati sulla migrazione, è il suo focus sui paesaggi migratori, i paesaggi sacri.

“Abbiamo lavorato con molti registi e fotografi per documentare la scena. Gran parte di ciò che è stato girato è incluso in questo libro ed è un’incredibile fotografia di paesaggi.

Volevamo anche esaminare i modi in cui le persone esprimono in modo creativo la storia della migrazione attraverso le generazioni. Pertanto, abbiamo esaminato il patrimonio artistico e letterario del mondo islamico e abbiamo incluso molti di questi pezzi in questo libro e nella mostra.

Ma volevamo anche capire come le generazioni attuali esprimessero i loro ricordi o sentimenti riguardo alla storia. Ci è stato affidato il compito di includere nuove opere d’arte nella galleria, alcune delle quali sono incluse anche in questo libro.

Una delle repliche esposte nella mostra è recentemente diventata virale sui social media.

Trevathan ha detto: “Come parte della mostra, abbiamo chiesto di creare un’immagine speculare del sandalo del Profeta, perché volevamo mostrare le scarpe che il Profeta indossava durante il suo viaggio. Questi sandali si basano sulle prime fonti scritte e ci sono molti di loro descrivendo ogni minimo dettaglio di come appariva.

“La reazione alla vista dei sandali è stata incredibile. Penso che la reazione delle persone sia molto positiva perché sono in grado di comunicare con il Profeta in un modo molto speciale attraverso i suoi beni.

“Quindi sono in grado di relazionarsi di più con la storia, in un modo più stretto”, ha aggiunto.

Il libro è ora disponibile per il preordine in inglese, anche con una versione araba simile ed è in vendita a $ 70 presso Ithra e tutti i principali rivenditori online.

READ  Alison Brie racconta a Molly Shannon delle pappe e delle coperte per la sauna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.