Il fantastico magnate Kevin Magnussen è considerato una zuppa per il capo di Haas

Venerdì, il Team Principal della Haas F1 Gunther Steiner ha goduto di un raro momento di successo quando i giocatori della sua squadra di F1 si sono assicurati un sorprendente primo posto con Kevin Magnussen nel Gran Premio di San Paolo.

L’italiano, il cui stile diretto e il cui linguaggio colorito lo hanno reso un eroe per milioni di persone con la popolare docuserie Netflix Drive to Survive, ha reagito in modo esemplare.

“Quando piove zuppa, devi avere un cucchiaio pronto”, ha detto l’italiano a Sky Sport. “E avevamo il cucchiaio pronto oggi.”

Foto: EPA-EFE

Magnussen è uscito per primo dalla corsia nelle qualifiche finali dello sprint di ieri, sfruttando le migliori condizioni prima che George Russell sbattesse la sua Mercedes e fermasse il percorso.

Poi la pioggia ha fatto sì che nessun altro potesse andare più veloce del tempo limite di Magnussen con le gomme slick.

Pole è stato il suo primo al 140° tentativo, ma alla sua 100° gara con Haas, nonché il primo di un pilota danese di Formula 1.

Spesso veniva servita una forchetta quando l’occasione richiedeva un cucchiaio, ha detto Steiner, il cui proprietario della squadra americana Gene Haas aveva 70 anni.

“L’intero team ha provato davvero duramente per sette anni, poi le condizioni, facciamo in modo che questo vada. Penso che non sia stata fortuna. Era dovuto dal pilota e dal team per essere con le gomme giuste al momento giusto”.

Haas è ottavo su 10 squadre nella classifica costruttori e il loro pomeriggio surreale è stato evidenziato dal loro copilota Mick Schumacher, che finalmente si è qualificato per una gara che definisce la griglia di partenza del Gran Premio di oggi.

READ  Mourinho felice con l'attaccante della Roma Tammy Abraham dopo il trasferimento del Chelsea

L’anno scorso, con l’ex predecessore russo di Schumacher e Magnussen, Nikita Mazepin, Haas non è riuscito a segnare per tutta la stagione e si è conclusa la scorsa stagione.

La squadra ha abbandonato Magnussen alla fine del 2020, ma Steiner ha riportato il danese in questa stagione quando il figlio dell’oligarca Mazepin è stato squalificato a causa delle sanzioni imposte dall’invasione russa dell’Ucraina a febbraio.

Magnussen ha detto che la partenza è stata più una sorpresa e si è sentito meglio del secondo posto al suo debutto con la McLaren Racing in Australia nel 2014.

“In questo sport, puoi andare su e giù, o almeno lo faccio. È così divertente quando sei in giornate come queste”, ha detto.

I commenti saranno moderati. Conserva i commenti relativi all’articolo. I commenti contenenti linguaggio osceno o osceno, attacchi personali di qualsiasi tipo, promozione e divieto dell’utente verranno rimossi. La decisione finale sarà a discrezione del Taipei Times.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.