Presentare la candidatura palestinese all'adesione alle Nazioni Unite al voto del Consiglio di Sicurezza Notizie delle Nazioni Unite

Rappresentanti palestinesi e israeliani si sono rivolti al Consiglio di Sicurezza dell'ONU prima del voto su una risoluzione che garantisce ai palestinesi la piena appartenenza al consiglio.

Ziad Abu Amr, rappresentante speciale delle Nazioni Unite per lo Stato osservatore di Palestina, ha dichiarato al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che la decisione delle Nazioni Unite di garantire allo Stato osservatore di Palestina la piena adesione all’organismo internazionale sarà “un pilastro importante per raggiungere la pace nella regione. ” (Consiglio di Sicurezza dell’ONU) prima della votazione.

Abu Amr ha detto giovedì: “Noi desideriamo ancora esercitare il nostro diritto all’autodeterminazione e a vivere in libertà, sicurezza e pace in uno stato indipendente come il resto del mondo”, aggiungendo che i palestinesi “hanno fatto e stanno ancora facendo.” Per raggiungere questo obiettivo sono stati fatti grandi sacrifici”.

Giovedì prossimo il Consiglio di Sicurezza dell'ONU voterà sulla richiesta palestinese di diventare membro a pieno titolo delle Nazioni Unite. Tuttavia, questa iniziativa sembra destinata a fallire dato che gli Stati Uniti, fedeli alleati di Israele, hanno potere di veto.

Nel suo discorso agli Stati Uniti e ad altri paesi che potrebbero opporsi alla risoluzione, Abu Amr ha negato le accuse secondo cui la risoluzione metterebbe a repentaglio i negoziati politici e le prospettive di pace.

A coloro che sostengono che il riconoscimento dello Stato palestinese deve avvenire attraverso negoziati e non attraverso una risoluzione dell'ONU, diciamo: come è stato costituito lo Stato di Israele? Abu Amr ha detto: “Non è questo attraverso una risoluzione delle Nazioni Unite, la Risoluzione 181?”

Ha aggiunto: “Questa decisione non sostituirà i negoziati e la risoluzione delle questioni in sospeso. Piuttosto, darà ai palestinesi la speranza di uno Stato indipendente dopo che questa speranza si sarà dissipata”.

READ  Daniel Penney: l'ex marine americano accusato di omicidio colposo per la morte di Jordan Neely con tunneling Chokehold | Notizie dagli Stati Uniti

“Ci auguriamo che ci darete l’opportunità di diventare parte integrante della comunità internazionale che lavora per raggiungere la pace e la sicurezza internazionali”.


L'ambasciatore israeliano alle Nazioni Unite Gilad Erdan ha utilizzato il suo discorso al Consiglio di sicurezza dell'ONU per accusare il consiglio di politicizzazione e di votare una risoluzione che era un “premio per i terroristi” coinvolti nell'attacco del 7 ottobre compiuto dal movimento palestinese Hamas, che governa Gaza. .

Ha detto: “Se questa risoluzione verrà approvata – Dio non voglia – non dovrebbe più essere conosciuta come Consiglio di Sicurezza, ma piuttosto come Consiglio 'Terrorismo'”. “L’unica cosa che farà il riconoscimento unilaterale forzato di uno Stato palestinese è rendere quasi impossibili eventuali negoziati futuri”.

Erdan ha descritto l’Autorità Palestinese come “un’entità genocida che non merita alcuno status” presso le Nazioni Unite, che richiede che i nuovi candidati provengano da paesi “amanti della pace”.

Il rappresentante ha anche affermato che l'Autorità Palestinese non ha alcuna autorità su Gaza e su alcune parti della Cisgiordania. “Quindi chi riconoscerà l’ONU? Chi sarà responsabile?” Chiesto.

Ha continuato: “Le Nazioni Unite non sono impegnate nel multilateralismo e, sfortunatamente, ora sono impegnate nella lotta al terrorismo multilaterale”. “Oggi la maschera è finalmente caduta e il Consiglio di sicurezza dell’ONU si è rivelato”.

Erdan ha criticato le Nazioni Unite per aver votato una risoluzione “distruttiva e immorale” in un momento in cui gli scontri tra Israele e Iran rischiavano di intensificarsi.

L’Iran ha lanciato una raffica di missili e droni contro Israele durante il fine settimana, dopo un attacco al suo consolato a Damasco di cui è stato ampiamente attribuito a Israele.

READ  Lo Stato islamico sospettato di "aspettare con impazienza" la vita in Nuova Zelanda dopo che il governo ha approvato il rimpatrio

I funzionari israeliani non hanno detto quando o dove avrebbero attuato ritorsioni, ma il comandante militare israeliano si è impegnato a rispondere.

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha aperto l'incontro avvertendo che l'escalation delle tensioni sulla guerra a Gaza e l'attacco iraniano a Israele potrebbero trasformarsi in un “conflitto regionale su larga scala”.

“Il Medio Oriente è sull’orlo del baratro” ha affermato Guterres.

“Un errore di calcolo, un malinteso o un errore potrebbero portare all'impensabile: un conflitto regionale su larga scala che sarebbe devastante per tutte le parti”, ha affermato, invitando tutte le parti a esercitare “la massima moderazione”.

Guterres ha condannato l'attacco al consolato e l'ondata di droni, affermando che quest'ultima costituisce una “pericolosa escalation”.

Ha aggiunto: “È ora di porre fine al sanguinoso ciclo di vendetta”. “È ora di smetterla.”


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *