Patrizio Bellew 1974 – 2023 – Dundee Football Club

Tutti al Dundee Football Club sono rattristati nell’apprendere della scomparsa dell’ex giocatore Patrizio Beliu, deceduto all’età di 48 anni dopo aver subito un infarto mentre giocava a padel con gli amici. Il centrocampista Pat è entrato a far parte del Dundee nel 1999 e ha collezionato 30 presenze nelle due stagioni successive ed è stato coinvolto in alcune famose vittorie su giocatori del calibro di Rangers e Dundee United per guadagnarsi un posto nel cuore dei Dis.

Nato a Triverso, in Italia, nel 1974, Pat si è laureato in Management dello Sport presso l’Università Cattolica di Milano e ha iniziato la sua carriera calcistica nell’A.C. Milan, provenendo dalle giovanili, prima di essere promosso in prima squadra nel 1992.

Il Milan stava vivendo un periodo d’oro della sua storia, vincendo una Champions League, una Supercoppa UEFA e quattro titoli di Serie A durante la sua permanenza a San Siro e con una squadra costellata di stelle, Pat stava lottando per entrare in prima squadra. Di conseguenza, è andato in prestito a diversi club italiani tra cui Ravenna, Verona, Casarino, Ternana e Monzo prima di lasciare definitivamente il Milan nel 1998 per firmare per il Crystal Palace in Premier League.

Pellew ha esordito come sostituto al Newcastle United nel gennaio 1999 prima di trascorrere lui stesso un breve periodo al St James ‘Park, Poi un breve ritorno in Italia per la stagione 1998/1999 con l’Ancona.

Butt è tornato nel Regno Unito nell’ottobre 1999 quando Jockey Scott lo ha portato a Dens Park e ha fatto il suo debutto in una vittoria casalinga per 1-0 su Hearts e la settimana successiva i Dark Blues hanno ripetuto questo risultato con una divertente vittoria a Perth.

READ  L'attaccante italiano è trapelato come vincitore della SBC di gennaio

Dopo una vittoria per 2-1 sui Rangers a Ibrox alla fine di novembre, il setoso ed esuberante centrocampista è stato esteso a un contratto di tre anni dopo una serie di prestazioni impressionanti.

Verso la fine della stagione, Billio è diventato un giocatore chiave della squadra dopo essere tornato da un infortunio e ha prodotto prestazioni impressionanti nella vittoria per 4-1 sul Motherwell, in cui ha segnato il suo primo gol per il club, in un pareggio per 2-2 con Celtico. Park, una vittoria per 1-0 su Pittodrie e ovviamente una vittoria per 3-0 sul Dundee United ai Danes: la prima vittoria casalinga del Derby in undici anni.

Insieme a Stephen Boyak e Javier Artero, Pat ha contribuito a dominare il centrocampo dello United in una giornata memorabile, nonostante abbia sbagliato un rigore nel primo tempo. Con i passaggi di Boyack e Artero che terrorizzava la fascia, la grinta e la determinazione di Billio hanno contribuito a spingere i The Dee alla loro migliore vittoria casalinga contro gli Arabs dalla loro stagione titolata nel 1961/62.

Nell’estate del 2000, Jocky Scott è stato sostituito dal collega italiano Ivano Bonetti e dopo aver iniziato bene la stagione, segnando un gol straordinario nella vittoria per 2-0 in Premier League contro Motherwell, è caduto in disgrazia alla fine di settembre dopo una sfilza di nuovi acquisti.

Insieme a Marco Di Marchi, Bate è stato costretto ad allenarsi da solo o con le giovanili da Bonetti e dopo essere stato attaccato fuori dai Dens, ha chiesto alla FIFA di essere sciolto dal suo contratto con i Dark Blue. Lo hanno trovato favorevole e poi si sono uniti al club della Premiership scozzese Aberdeen a parametro zero nell’agosto 2002.

READ  'Dovevamo lottare' - Antonio Conte condivide l'impatto del Leeds United sugli aspetti negativi dell'offerta del Tottenham

È stata una triste fine per la carriera di Dundee per un giocatore che era popolare con il supporto di Dundee e che avrebbe preferito che le sue divergenze con l’allenatore venissero risolte rimanendo al Dunes.

Dopo aver lasciato l’Aberdeen nel dicembre 2002, è tornato in Italia per firmare con il Livorno in Serie B prima di passare a giocare per Sura, Pro Sesto, Masese e Collegiana in Serie B.

Dopo il ritiro nel 2010, Belyu è entrato a far parte della Loyac AC Milan Football School in Kuwait come direttore tecnico e capo allenatore e vi è rimasto fino alla sua morte. Il rossonero ha riflettuto molto, scrivendo sul suo Instagram: “Negli ultimi 10 anni mister Pellew ha svolto un ottimo lavoro alzando gli standard dell’allenatore all’AC Milan Academy in Kuwait.

Pellew è stato un grande calciatore e sarà ricordato a Dundee con molto affetto. Pensieri di tutti al Kelmack Field con gli amici e la famiglia di Pat in questo momento molto triste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.