Accuse di doping al centro della più grande corsa ciclistica italiana

Stefano Stani esordisce: “L’Italia è un Paese invidioso”. “Non sono uno sciocco a barare in diretta TV.”

La Maratona dles Dolomites è “una delle gare ciclistiche più grandi, entusiaste e caotiche del mondo”, secondo National Geographic. Un percorso epico attraverso sette passi alpini delle Dolomiti, 9.000 fortunati partecipanti scelti a caso tra 40.000 partecipanti, VIP lungo il percorso e sei ore di diretta, la più lunga dell’anno per Rai Sport nazionale.

Dopo 138 chilometri e 4.230 metri di dislivello, Stany, ex pallavolista diventato ciclista, ha tagliato il traguardo da solo, per primo, dopo quattro ore e mezza di corsa.

Il 27enne di Ferrara, Emilia-Romagna, ha detto di aver pianto, mangiato, festeggiato e poi dormito per 10 ore. Corriere della Sera. Mi sono svegliato con un telefono pieno di messaggi che bloccava lo schermo. Alcuni dei messaggi erano di congratulazioni. La maggior parte erano insulti. “Sono rimasto sbalordito”, ha detto Stany.

Mentre dormiva, Internet si animava di intrighi. I suoi tempi di arrampicata su superbi passi dolomitici sono stati sbalorditivi, essendo solo quattro minuti più lento del Passo Jiao rispetto a Egan Bernal al Giro d’Italia 2021 e tre minuti e mezzo più lento di Vincenzo Nibali al Gran Giro d’Italia 2016.

La gente lo ha accusato di aver usato un motore nella sua moto e di aver profanato un evento sacro dopo essere tornato nel gruppo di testa nell’appartamento tra Cernadoi e Giau, essendo stato atterrato in precedenza, prima di vincere la gara. ad un certo punto sezione Preso dalla copertura in diretta, Stagni spinge in un punto casuale al guinzaglio, una mossa che aggiunge benzina al fuoco per i teorici della cospirazione.

READ  Live Updates - NFL Playoff Scenarios, Updated Snatch Chances & More for Week 17

“Se guardassi da utente esterno il video che circolava sul web ed fosse tuo, direi: Sì, questo ragazzo ha tradito. Stanni ha risposto al quotidiano italiano sulle accuse di averlo tradito. “Sinceramente non lo so”. “, seguì i movimenti delle sue mani sul manubrio. “Era un cenno. Mano tesa e spontanea. Ma pensi che sarei troppo stupido per correre in direct drive su Ray, a un tiro di schioppo dal traguardo? ”

Ha detto di essere stato inseguito di nuovo: “È vero che al Cole Santa Lucia per tornare sul set ho fatto un giro pazzesco”. “Gli altri tempi sono buoni ma normali. A Jiao ho passato 4 minuti in più di Nibali a Girou, a Falzarego nello stesso periodo del 2021”.

Il caricamento di Strava per la guida è stato segnalato come sospetto dopo che 600 persone hanno segnalato irregolarità, risultando automaticamente bandito. Stagni ha contattato Strava per spiegare l’accaduto e ha anche messo a disposizione di eventuali scettici il suo file di autorità per lo studio.

Un’ultima svolta nella storia, la bici di Stagni scompare dalla fine mentre Ray lo intervista.

Stany ha spiegato perché ha rapidamente trascinato la sua moto lontano dal trambusto del traguardo: “Ad aprile sono stato derubato dopo la gara”. “La bici, che avevo perso di vista a Corvara, era messa al sicuro. Se me lo avessero chiesto gli organizzatori, l’avrei controllata”.

Gli organizzatori affermano che dal prossimo anno verranno utilizzati scanner e raggi X per controllare tutte le bici in gara.

Stani ha concluso il suo intervento dicendo: “L’Italia è il Paese dove chi arriva al 200° pensa che i 199 che hanno davanti siano stati ingannati”. “Ma ho la coscienza pulita, mi giro per divertirmi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.