Panetta della BCE mantiene l’impegno per l’aumento dei tassi di marzo: Handelsblatt

FRANCOFORTE (Reuters) – Il membro del Consiglio direttivo della Banca centrale europea (Bce) Fabio Panetta ha dichiarato a un quotidiano che la Banca centrale europea non dovrebbe impegnarsi in alcun rialzo dei tassi specifico dopo febbraio, soprattutto perché vi è motivo di cauto ottimismo sull’inflazione, che espone una spaccatura tra politici.

La Banca centrale europea si è quasi impegnata ad aumentare il suo tasso di interesse principale di mezzo punto percentuale la prossima settimana al 2,5%, ma i politici stanno esprimendo preferenze diverse per marzo, suggerendo che il dibattito è aperto, nonostante l’indicazione di inasprire significativamente la politica a “costante”. . Velocità”.

Alcuni, compresi i capi delle banche centrali dei Paesi Bassi e della Slovacchia, hanno chiesto specificamente un aumento di 50 punti base a marzo, mentre altri, compresi i governatori delle banche centrali greca e italiana, hanno chiesto maggiore cautela e mosse graduali.

“C’è una grande incertezza nell’economia per un pre-impegno incondizionato verso un particolare percorso politico”, ha detto Panetta in un’intervista pubblicata martedì dal quotidiano tedesco Handelsblatt. “Dopo febbraio, qualsiasi orientamento incondizionato, qualsiasi orientamento non collegato alle prospettive economiche, si discosterà dal nostro approccio basato sui dati”.

Panetta ha affermato che i politici dovrebbero prendere la loro decisione finale in base all’evoluzione dell’inflazione, dei salari, dei prezzi dell’energia, degli sviluppi della guerra della Russia in Ucraina e della performance dell’economia globale.

Il presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha affermato ripetutamente che i tassi di interesse dovrebbero aumentare in modo significativo a un ritmo costante e la sua guida indica ancora un aumento dei tassi di 50 punti base a febbraio e forse a marzo.

READ  L'esclusiva indagine antitrust italiana di McDonald's affronta i termini del franchising - Documento

L’inflazione dell’Eurozona è scesa al 9,2% a dicembre dal 10,6% di ottobre.Anche il calo dei prezzi dell’energia sta alimentando un certo ottimismo poiché i dati recenti suggeriscono che la Banca centrale europea può combattere gli effetti dell’inflazione di secondo turno.

“Abbiamo avuto delle buone notizie sull’inflazione, poiché è probabile che gli shock dell’offerta che hanno colpito l’economia negli ultimi mesi inizieranno a invertirsi”, ha detto Panetta nell’intervista. “Possiamo permetterci di essere ansiosamente ottimisti, ma dobbiamo essere saggi e vigili.

“L’inflazione rimane molto alta, ma i recenti sviluppi suggeriscono che possiamo evitare i rischi di effetti secondari e ridurre l’inflazione continuando ad aggiustare i nostri tassi ufficiali in modo ben calcolato e non meccanico”.

(Copertura di Balaz Korani). Montaggio di Susan Fenton

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.