Ovunque Superman volesse girare, Marlon Brando e J Hamilton sono stati banditi

I Salkind e Spengler sapevano che Brando era il loro più grande punto di forza non solo per lo stesso “Superman”, ma per la legittimità della produzione nel suo insieme. La scelta di Gene Hackman da parte di Brando ha tentato di iscriversi per interpretare Lex Luthor, e il film è cresciuto solo da lì.

Dovendo ancora capire chi avrebbe effettivamente diretto il film, i produttori hanno fatto il punto su chi c’era dietro i film di successo che erano là fuori in quel momento, e si sono imbattuti nel regista televisivo veterano (ancora un regista in erba) Richard Donner, che aveva appena realizzato l’orrore Crush “Omen”. come donatore È stato chiamato nel 2016. Alexander Salkind lo chiamò e disse: “Non ho via d’uscita e ti pagherò un milione di dollari”. Abbastanza sicuro, uno dei punti di forza di Salkind sono state le sue stelle, con Donner che ha ricordato come il produttore gli ha detto “Ho avuto Marlon Brando per un numero X di settimane e ho avuto Gene Hackman, e stiamo iniziando le riprese in quella data. “

Donner è stata immediatamente svenduta dall’opportunità ed è diventata ancora più motivata una volta che ha visto lo stato della sceneggiatura, spiegando come avesse offeso così tanto Superman che “voleva farlo solo per difenderlo”. Mentre il film “Superman” e i suoi problemi di produzione non erano ancora finiti, almeno il film poteva finalmente essere realizzato, senza ulteriori problemi di esclusione internazionale.

READ  Eurovision 2022: la star di TikTok Sam Ryder rappresenterà il Regno Unito quest'anno con "Space, Man!"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.