Meloni conferma il suo sostegno all’Ucraina in una telefonata con Zelensky

ROMA (Reuters) – L’ufficio del primo ministro italiano Giorgia Meloni ha dichiarato martedì in una dichiarazione che il suo governo ha ribadito il “pieno sostegno” del suo governo all’Ucraina in una telefonata con il presidente Volodymyr Zelensky.

La Meloni, salita al potere a ottobre, è stata una convinta sostenitrice di Kiev, nonostante la questione sia ai ferri corti all’interno della sua coalizione di governo di destra e divida l’opinione pubblica.

“Melloni ha ribadito il pieno sostegno del governo italiano a Kiev in ambito politico, militare, economico e umanitario, per riformare le infrastrutture energetiche e (per lavorare) per la futura ricostruzione dell’Ucraina”, ha affermato il suo ufficio.

In un tweet pubblicato ieri, Zelenskyj ha ringraziato la Meloni per la sua “solidarietà e il supporto generale” e ha affermato che l’Italia sta valutando la possibilità di fornire sistemi di difesa aerea a Kiev.

La scorsa settimana nel suo discorso a un gruppo di leader occidentali, il leader ucraino ha richiesto un’ampia gamma di armi e sistemi di difesa aerea per aiutare gli sforzi per contrastare l’invasione russa.

In un’intervista con Reuters questo mese, il ministro della Difesa italiano Guido Crosetto ha confermato che Kiev aveva ordinato sistemi di difesa aerea da Roma, incluso il franco-italiano SAMP/T.

Sotto la precedente amministrazione del primo ministro Mario Draghi, l’Italia ha inviato cinque pacchi di aiuti a Kiev, comprese le forniture militari, e il governo di Meloni sta lavorando a una possibile sesta spedizione.

L’ufficio della Meloni ha detto martedì che “ha confermato la sua intenzione” di visitare Kiev e ha invitato Zelensky – che ha visitato gli Stati Uniti la scorsa settimana nel suo primo viaggio all’estero dall’invasione russa del 24 febbraio – a venire a Roma.

READ  L'economia della zona euro è cresciuta più del previsto nel secondo trimestre

(Segnalazione di Angelo Amanti; Montaggio di Elvis Armellini e Frank-Jacques Daniel)

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.