Mantova, Italia, per acquisire il Museo Ebraico nel luogo di sepoltura dei maestri cabalisti del XVII secolo

L’arsenale trascurato di Mantova, in Italia, diventerà una “casa commemorativa” per far luce sulla storia ebraica della città. (Giovanni Vigna tramite JTA.org)

Di Giovanni Vigna

Mandua, Italia – Dopo anni di disaccordo, le autorità locali e il gruppo ebraico dell’Ombrello hanno raggiunto un accordo per trasformare l’arsenale secolare in cima a un arsenale in un museo “casa commemorativa”.

Il Cimitero Ebraico di San Nicols è una cittadina del nord Italia nella Valle di Mantova con una storia ebraica del XII secolo. La tomba fu costruita nel 1442 con l’approvazione della classica famiglia Gonzaga che governò Mandua durante il Rinascimento. Ha servito i bisogni della piccola comunità ebraica locale fino al 18° secolo e si crede che sia il luogo di riposo di almeno due famosi maestri cabalisti italiani: i rabbini Menakem Azaria da Fano e Moshe Jakuto.

Ricevi la newsletter ebraica via e-mail e non perdere le nostre importanti novità
Non condividiamo i dati con fornitori di terze parti.

Registrazione gratuita

Durante l’Olocausto, i nazisti trasformarono l’area in un campo di concentramento improvvisato. Fu poi sottoposta alla giurisdizione dell’esercito italiano prima di essere ceduta ai capi mantovani locali.

Ora il cimitero è ricoperto di erba sporca e cespugli e circondato da cinque magazzini del suo oscuro passato del XX secolo, che sono in rovina.

Il comune ha pianificato da anni di rinnovare l’area, ma alcuni di loro hanno unito le forze con il Congresso rabbinico federale degli Stati Uniti e del Canada, un consorzio di gruppi ortodossi Harady volto a preservare i cimiteri ebraici in tutto il mondo, hanno affermato. Il piano è distruggere il cimitero e il suo suolo. Si sono scontrati non solo con i dirigenti comunali locali, ma anche con Emanuel Colorni, il leader della comunità ebraica di Mantova, che credeva stesse bloccando il processo per inutili motivi religiosi.

READ  Giorgino del Chelsea prende in giro l'Inghilterra, la star italiana rivela la nuova acconciatura 'Bill Fotten' dopo la vittoria di Euro 2020

Uno dei negoziatori per i leader di Mandua era il rabbino Siskia Kalmanovitz, che rappresentava l’Unione degli ombrelli o UCEI, un gruppo di comunità ebraiche italiane. È anche cittadino statunitense e israeliano ed è stato arrestato in Israele nel 2012 Per aver tentato di rubare ossa da un sito archeologico fuori Gerusalemme.

Il nuovo piano di fattibilità è stato concordato con i funzionari comunali e l’UCEI e si è provveduto a ristrutturare i capannoni in modo che non si mescolino al suolo. Tutte le passerelle e le serie di edifici, compresi gli alloggi ecologici e il centro per disabili, saranno sopraelevati. Il cimitero sarà recintato.

La Casa della Memoria, che mette in evidenza la storia degli ebrei nella zona, sarà ospitata nell’arsenale del periodo Hobbesk nel sito.

Una vista all’interno di uno dei magazzini abbandonati sul sito. (Giovanni Vigna tramite JTA.org)

“Dopo decenni di degrado e abbandono, abbiamo sempre voluto trovare una soluzione che rispettasse la storia del luogo, fortemente segnata da una dimensione religiosa, e riqualificasse l’ambiente”, ha affermato Andrea Murari, consulente urbanistico comunale. “Il continuo conflitto ha portato alla progettazione di un piano migliore, culturalmente più ricco del piano iniziale. Una parte meravigliosa della città ha bisogno di essere finalmente restaurata”.

Il progetto, finanziato dal governo italiano con 6,5 milioni di euro, inizierà a marzo e terminerà nel 2024.

Kalmanovitz non ha commentato l’accordo. Colorney ha ribadito le sue critiche ai rabbini ortodossi che erano entrati nel dibattito dall’esterno della comunità.

“Sono felice dell’esito dei colloqui – sono turbato dall’interferenza dei rabbini per cambiare il piano”, ha detto al Jewish Telegraph. “I designer hanno dovuto soddisfare pazientemente le affermazioni di Kalmanovitz. I rabbini volevano imporre la legge ebraica, che non aveva nulla a che fare con la legge italiana.

READ  La stella italiana del Chelsea Jorge Gino afferma che SAPEVA mancherà il fumo dell'Arsenal nella sconfitta ai rigori dell'Inghilterra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.