L’italiano Cimolai chiede protezione giudiziaria sui derivati ​​forex

(Bloomberg) — Cimolai SpA ha chiesto protezione giudiziaria dai creditori per mettere in atto un piano di ristrutturazione per i suoi contratti derivati ​​su valute inadempienti.

Lo studio di ingegneria italiano ha chiesto a un tribunale distrettuale di Trieste l’accesso a uno “strumento di crisi aziendale” che proteggerà l’azienda e i suoi dipendenti, ha affermato giovedì in una dichiarazione inviata via e-mail.

La società sta cercando di risolvere i suoi impegni dopo il crollo di alcuni contratti di copertura valutaria in mezzo alle pesanti perdite per l’euro. La società era particolarmente esposta a derivati ​​ancorati al tasso euro-dollaro chiamato “Trade Accrued Receivable Redemption”, o TARF, secondo i suoi più recenti conti finanziari disponibili.

NatWest e JB Drax nel gruppo che ha contribuito a vendere i derivati ​​Cimolai

Bloomberg ha riferito la scorsa settimana di avere $ 400 milioni di derivati ​​nei suoi libri contabili.

La Cimolai, fondata nel 1949 dall’operaio Armando Simolai e controllata dal figlio Luigi, progetta e realizza le strutture in acciaio di ponti, palazzi, stadi e perfino il nuovo ricovero del reattore nucleare di Chernobyl. Nella dichiarazione, ha affermato di avere un portafoglio ordini di oltre 830 milioni di euro (816 milioni di dollari).

Il produttore di circuiti di Coppa del Mondo assume Lazard invece di derivati ​​tesi

Ha aggiunto che il piano di ristrutturazione prevede anche la ricapitalizzazione che Simolai ha già ricevuto l’interesse di soggetti italiani ed esteri.

© Bloomberg LP 2022

READ  Lanciano Pizza Catering Company ha un nuovo proprietario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.