L’Italia sta volando per curare 35 pazienti con distrofia massetere critica, aiutando a curare gli altri a livello locale

L’Italia tratterà più di 35 pazienti affetti da distrofia muscolare di massa critica e aiuterà a curare gli altri a livello locale.

La notizia è arrivata mercoledì durante un incontro tra il vicepremier e ministro ad interim della salute libico Ramadan Abujana e l’ambasciatore italiano Giuseppe Puccino presso l’ufficio del gabinetto di Tripoli.

Il ministero della Salute ha affermato che i due hanno discusso delle possibilità di cooperazione tra i due Paesi, soprattutto nel campo della salute.

Ha detto che le due parti hanno discusso di tutti gli ostacoli incontrati dai pazienti con distrofia muscolare e delle possibilità di curarli in Italia.

Il ministro della Salute e l’ambasciatore italiano hanno concordato di inviare più di 35 pazienti per essere valutati da un’équipe italiana speciale in visita in Libia per filtrare i casi, tra il loro trasferimento in Italia o la presentazione di un piano per curarli localmente.

L’ambasciatore italiano ha sottolineato la possibilità di inviare in Italia diversi medici libici per acquisire esperienza nel trattamento di pazienti distrofici, promettendo di fornire tutte le strutture per medici e pazienti, compreso l’ottenimento di visti di viaggio.

Abujana, dal canto suo, ha indicato i due milioni di dollari messi a disposizione dall’Italia per sostenere il settore sanitario in Libia, confermando che tutte le competenze sanitarie stanno andando nel contesto della soluzione del problema della cura dei pazienti atrofizzati.

Martedì, Abujana ha ricevuto diversi pazienti con distrofia muscolare e ha ascoltato le loro richieste per il diritto a ricevere cure all’estero a spese del governo, esprimendo la sua speranza che tutti i pazienti godranno del diritto naturale a servizi medici dignitosi, ha affermato il ministero. .

READ  Conte dice al nazionale italiano di lasciare il Chelsea tra i collegamenti dell'Inter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.