L’Italia dona 2,5 milioni di euro alle operazioni di nutrizione di emergenza del Sudan

Secondo il Programma alimentare mondiale (WFP), circa il 13,6% dei bambini in Sudan è malnutrito e il 36% è sottosviluppato. (Photo by Himmarkly / Getty Creative via CFP)

Secondo il Programma alimentare mondiale (WFP), circa il 13,6% dei bambini in Sudan è malnutrito e il 36% è sottosviluppato. (Photo by Himmarkly / Getty Creative via CFP)

L’Italia ha donato 2,5 milioni di euro (circa 2,67 milioni di dollari USA) al Sudan a sostegno delle misure nutrizionali di emergenza nel Paese.

Il finanziamento dell’Istituto italiano per la cooperazione allo sviluppo (AICS) è stato ricevuto lunedì dal Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite (WFP) in Sudan.

“Siamo molto grati al governo italiano per questo contributo, soprattutto in un momento in cui i bisogni umanitari stanno aumentando drasticamente in Sudan”, ha affermato Eddie Rowe, Rappresentante del WFP in Sudan e Direttore del Paese.

Il WFP ha affermato che la donazione aiuterebbe a fornire a 160.000 bambini di età inferiore ai cinque anni e donne in gravidanza e in allattamento nelle aree colpite dalla crisi alimenti nutrienti speciali per curare e prevenire la malnutrizione.

L’agenzia sottolinea che circa il 13,6% dei bambini in Sudan è malnutrito e il 36% è sottosviluppato, con bambini di età inferiore ai cinque anni a maggior rischio di malattie e morte.

Nel suo ruolo, il Direttore di AICS Khartoum, Michele Morana, ha osservato che l’Italia è impegnata a contribuire ad affrontare i problemi legati all’alimentazione.

“In qualità di coordinatore dei donatori per Scaling Up Nutrition (SUN), l’Italia è profondamente impegnata a sostenere progetti per affrontare le cause dell’insicurezza alimentare e della malnutrizione, in particolare il conflitto in corso, lo scoppio delle epidemie Govt-19, l’aumento dei prezzi alimentari e il drastico aumento nella malnutrizione infantile Siamo lieti di sostenere il WFP per prevenire una grave crisi di malnutrizione per i bambini “, ha affermato Morana.

READ  Visto ETIAS: Portogallo, Spagna, Grecia, Cipro, Francia e Italia fanno pagare i turisti del Regno Unito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.