L'Italia apre a nuove sanzioni del G7 contro i nemici di Israele – Ministro degli Esteri

L’Italia, che detiene la presidenza di turno del Gruppo dei Sette (G7), chiede nuove sanzioni per le persone coinvolte in attacchi contro Israele a seguito di un attacco di droni e missili iraniani, ha detto lunedì il suo ministro degli Esteri.

Il ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani ha affermato che le nuove sanzioni richiederanno il sostegno di tutti i paesi del G7, tra cui Italia, Francia, Germania, Canada, Giappone, Gran Bretagna e Stati Uniti. Ha anche suggerito che qualsiasi nuova misura si concentrerà sui singoli individui piuttosto che su interi paesi.

“Se vogliamo più sanzioni contro coloro che sono chiaramente contro Israele, che sostengono il terrorismo e Hamas, questo si può fare. Ma dobbiamo essere molto seri e tutti devono lavorare insieme”, ha detto Tajani a Reuters.

Tajani ha definito l'attacco iraniano un “enorme errore” per Teheran, ma un “positivo” per Israele poiché ha dimostrato l'efficacia delle sue difese aeree, che hanno abbattuto la maggior parte dei droni e dei missili, con l'aiuto di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia. e Giordania.

Domenica il G7 ha condannato l'attacco e ha esortato Teheran a dar prova di moderazione, mentre gli Stati Uniti hanno avvertito Israele che non parteciperà a un contrattacco.

Prima dell'attacco Tajani ha telefonato al suo viceministro iraniano per essere cauto.

“È importante per noi proteggere i soldati italiani” che lavorano nella regione sotto l'egida delle Nazioni Unite, ha detto, per fermare gli attacchi alle navi nel Mar Rosso da parte degli Houthi sostenuti dall'Iran nello Yemen, che è vitale per il mondo . Commercio.

“Insieme vogliamo proteggere Israele, ma vogliamo anche raggiungere stabilità e pace”, ha detto Tajani prima della riunione dei ministri degli Esteri del G7 del 17-19 aprile sull'isola italiana di Capri.

READ  Il vicepresidente del Consiglio Salvini parla di targhe per ciclisti: "È solo per i motorini"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *