La Russia esulta per la caduta di Boris Johnson: lo “stupido clown” se n’è andato

LONDRA (Reuters) – I politici russi si sono schierati giovedì per celebrare la caduta di Boris Johnson, definendo il leader britannico uno “stupido clown” che ha finalmente ottenuto il giusto premio per aver armato l’Ucraina contro la Russia.

Johnson, il volto della campagna Brexit del 2016 che ha ottenuto una clamorosa vittoria elettorale nel 2019 prima di portare il Regno Unito fuori dall’Unione Europea, ha annunciato le sue dimissioni giovedì dopo che i ministri e la maggior parte dei parlamentari conservatori lo hanno scaricato per una serie di misure. scandali.

Il Cremlino ha detto che non gli piaceva nemmeno Johnson.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Non gli piacciamo e nemmeno a noi piace”, ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov poco prima che Johnson si presentasse a Downing Street per annunciare le sue dimissioni.

Nel suo discorso in cui annunciava che si sarebbe dimesso dalla carica di leader dei conservatori ma progettava di rimanere primo ministro fino a quando non fosse stato scelto un sostituto, Johnson si è rivolto al popolo ucraino, promettendo che la Gran Bretagna “continuerà a sostenere la tua lotta per la libertà finché sarà necessario”.

I russi sono stati selvaggi nella valutazione di Johnson, che di recente ha detto ai colleghi che vuole rimanere al potere più a lungo di Margaret Thatcher, la fedele nemica dell’ex Unione Sovietica che ha servito come Primo Ministro britannico dal 1979 al 1990.

Il magnate degli affari russo Oleg Deripaska ha detto su Telegram che è stato un “finale inquietante” per uno “stupido clown” la cui coscienza rovinerà “decine di migliaia di vite in questo conflitto insensato in Ucraina”.

READ  Macron vuole un tetto salariale dei dirigenti "scioccante ed eccessivo" | Francia

“Il clown se ne va”, ha detto Vyacheslav Volodin, il presidente della camera bassa del parlamento russo. “È uno dei principali ideologi della guerra contro la Russia fino alla fine dell’Ucraina. I leader europei dovrebbero pensare a dove porterebbe una tale politica”.

Anche prima che il presidente Vladimir Putin ordinasse l’invasione il 24 febbraio, Johnson ha ripetutamente criticato Putin, definendolo un capo del Cremlino spietato e forse irrazionale che stava minacciando il mondo con le sue folli ambizioni.

Dopo l’invasione, Johnson ha reso la Gran Bretagna uno dei maggiori sostenitori occidentali dell’Ucraina, inviando armi, imponendo alcune delle sanzioni più dure della storia moderna alla Russia e esortando l’Ucraina a sconfiggere le massicce forze armate russe. Si è recato due volte a Kiev per incontrare il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Maria Zakharova, un’importante portavoce del ministero degli Esteri russo, ha affermato che la caduta di Johnson è stata un sintomo del declino dell’Occidente, che secondo lei è stato lacerato da una crisi politica, ideologica ed economica.

“La morale della storia è: non cerca di distruggere la Russia”, ha detto Zakharova. “La Russia non può essere distrutta. Puoi romperti i denti e poi strangolarla”.

Il sostegno di Johnson all’Ucraina era così forte che era conosciuto come “Boris Johnsonuk” da alcuni a Kiev. A volte concludeva i suoi discorsi con “Ukrainian Slava” – o “Gloria all’Ucraina”.

Johnson ha persino parlato in volgare russo a febbraio, dicendo al popolo russo che non pensava che la guerra “inutile e sanguinosa” fosse in loro nome.

READ  I talebani hanno giustiziato 900 persone dopo che gli islamisti hanno invaso Kandahar

La Russia lo ha ripetutamente respinto come un clown mal preparato che cercava di battere il vero peso della Gran Bretagna.

Zakharova ha interpretato allegramente Johnson come l’autore della sua caduta.

“Boris Johnson è stato traumatizzato da se stesso”, ha detto. “I suoi compagni d’armi lo hanno consegnato.”

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Montaggio di Mark Trevelyan e Frances Kerry

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.