La guerra tra Israele e Hamas: la tregua è finita: perché i negoziati si sono interrotti e cosa farà Israele adesso? | notizie dal mondo

Nel giro di mezz’ora dalla fine della tregua finale venerdì, gli aerei da combattimento israeliani stavano bombardando Gaza e Hamas stava lanciando una raffica di razzi su Israele.

Sebbene l’IDF si stesse preparando a riprendere la sua offensiva di terra se non fosse stata concordata un’altra tregua, entrambe le parti erano motivate a portare avanti il ​​rilascio degli ostaggi.

Perché i negoziati si sono interrotti e la guerra è ripresa?

Uno degli obiettivi dell’IDF è liberare gli ostaggi e la tregua si è rivelata un mezzo efficace per raggiungere questo obiettivo.

Tuttavia, anche l’esercito israeliano vuole distruggere Hamas ed è determinato a riprendere le operazioni militari se i negoziati sugli ostaggi si fermassero.

Hamas sa di non poter competere militarmente con l’IDF, ma usa gli ostaggi come leva per assicurarsi la sopravvivenza attraverso un cessate il fuoco prolungato.

L’attenzione iniziale era sul rilascio israeliano Per ogni ostaggio liberato sono stati rilasciati donne, bambini e tre prigionieri palestinesi.

Tuttavia, la prossima categoria di ostaggi includerà giovani maschi e stranieri detenuti, e Hamas attribuirà maggiore valore a questi ostaggi prima di considerarne il rilascio.

Utilizza il browser Chrome per un lettore video facilmente accessibile

L’esercito israeliano ha iniziato la seconda fase della sua offensiva

I soldati dell’IDF sono probabilmente gli ostaggi più preziosi tenuti da Hamas, e sebbene Hamas possa fornire loro i rilasci tramite flebo, hanno bisogno solo di una manciata di ostaggi dell’IDF – più forse un paio di cittadini stranieri – per tenerli al sicuro.Abilità di negoziazione credibile.

Hamas una volta detenne un soldato dell’IDF per cinque anni e accettò di scambiarlo solo con più di 1.000 prigionieri palestinesi – uno dei quali era Yahya Sinwar, ora leader di Hamas a Gaza.

READ  Nessuna conferenza stampa congiunta dopo il vertice Biden-Putin: Casa Bianca | Joe Biden

Per saperne di più: Chi sono i primi 79 ostaggi israeliani rilasciati da Hamas?

Effetti delle esplosioni avvenute nella Striscia di Gaza dopo la fine del cessate il fuoco
immagine:
Effetti delle esplosioni avvenute nella Striscia di Gaza dopo la fine del cessate il fuoco

Allo stesso tempo, Israele sembra concentrato principalmente sulla distruzione di Hamas e, sebbene qualsiasi tregua sarebbe gradita se liberasse gli ostaggi, l’IDF non tollererà alcuna evasione da parte di Hamas.

Anche se Israele ha ripreso le operazioni di combattimento, gli obiettivi militari probabilmente rimarranno invariati: distruggere Hamas e liberare tutti gli ostaggi.

La seconda fase della sua offensiva di terra sembra concentrarsi sul sud di Gaza, dove la densità di popolazione è più elevata.

Utilizza il browser Chrome per un lettore video facilmente accessibile

Israele lancia raid su Gaza alla fine della tregua

L’IDF ammette che le perdite umane saranno maggiori durante la seconda fase, sia per l’IDF che per i civili palestinesi.

Israele afferma di aver ucciso cinquemila combattenti di Hamas nella prima fase della guerra, ma in tutto più di 15.000 palestinesi hanno perso la vita dall’inizio del conflitto – e questo ignora i corpi ancora da scoprire tra le macerie.

Se l’obiettivo militare israeliano rimane quello di distruggere Hamas, e finora hanno ucciso il 20% dei combattenti, allora per estrapolazione la prossima fase del conflitto potrebbe comportare la perdita di altre 60.000 vite palestinesi – senza contare l’aumento del rischio dovuto a una maggiore densità demografica. Nel sud di Gaza.

Benjamin Netanyahu a Gaza
immagine:
La pressione sul primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu è in costante aumento affinché ponga fine alla guerra

Per saperne di più:
Blinken dice a Israele che ha bisogno di un “piano chiaro” per proteggere i civili
Israele accusa Hamas di aver violato l’accordo di tregua e di aver ripreso le operazioni militari

READ  La navicella spaziale cinese su Marte si muove attraverso il pianeta una settimana dopo essere atterrata su Marte

Qualsiasi aumento così significativo del numero delle vittime civili o l’escalation della crisi umanitaria a Gaza sarebbe motivo di grave preoccupazione per la comunità internazionale.

Anche gli Stati Uniti – il più stretto alleato di Israele – utilizzano sempre più un linguaggio cautelativo e sollecitano moderazione. Sarà estremamente difficile per Israele mantenere il sostegno internazionale per un’offensiva a lungo termine nel perseguimento dei suoi obiettivi militari.

In ogni caso, è chiaro che Israele non è disposto a lasciare che Hamas prenda l’iniziativa.

Israele sostiene il prolungamento della tregua in cambio del rilascio degli ostaggi, lasciando ad Hamas la scelta tra negoziato o guerra.

Utilizza il browser Chrome per un lettore video facilmente accessibile

La ripresa dei combattimenti a Gaza

I mediatori del Qatar continuano i loro sforzi per negoziare un nuovo accordo e dovremmo aspettarci una cessazione periodica delle ostilità man mano che vengono raggiunti nuovi accordi e vengono rilasciati altri ostaggi.

Tuttavia, questi sono tempi sempre più frustranti per Israele, che, nonostante la schiacciante superiorità militare e il rilascio di oltre 100 ostaggi, sta rapidamente perdendo l’iniziativa in questo conflitto.

Nonostante abbia lanciato un attacco di terra determinato e aggressivo contro Gaza, Israele non è stato in grado di distruggere Hamas, non ha ancora rilasciato tutti gli ostaggi e deve far fronte a crescenti richieste di porre fine alla guerra.

Nonostante la devastazione, il conflitto ha fatto ben poco per risolvere le questioni fondamentali che polarizzano le opinioni nella regione.

Tuttavia, nonostante gli orrori della guerra, emergono opportunità per una pace duratura, ma solo attraverso l’impegno e la leadership internazionale è possibile ottenere progressi duraturi.

READ  Inondazioni in Kerala: almeno 22 morti in alluvioni e frane nel sud dell'India | notizie dal mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *