La BBC a bordo di una barca inseguita dalla Cina nel Mar Cinese Meridionale

Le navi cinesi erano determinate a fermarci, ed erano molte: a un certo punto erano 10 della guardia costiera e della milizia navale.

Il capitano filippino ha fatto affidamento sulla velocità e sulla manovrabilità della sua nave di costruzione giapponese per avere la meglio sui cinesi, ed è arrivato a 600 metri di acque poco profonde, il più vicino mai raggiunto, ci ha detto.

Ma recentemente è stata eretta dai cinesi una nuova barriera che può essere vista sott’acqua. La loro nave era direttamente dietro di noi e due di loro erano posizionati su entrambi i lati della nave filippina, a quel punto hanno iniziato a sparare con i loro potenti cannoni ad acqua.

Siamo stati subito portati all'interno, dove abbiamo potuto sentire getti d'acqua che colpivano le pareti metalliche della nave. Hanno fracassato il tettuccio di poppa e hanno distrutto la ringhiera su un lato.

La seconda nave del nostro convoglio, che trasportava rifornimenti per i pescatori filippini, è stata gravemente danneggiata dopo essere stata sottoposta a dieci colpi diretti di cannoni ad acqua.

Questo gioco marittimo del gatto col topo non è nuovo nel Mar Cinese Meridionale. Ma questi scontri sono diventati più frequenti e più pericolosi, da quando il presidente Bongbong Marcos ha permesso alla Guardia Costiera di sfidare la presenza cinese nelle zone contese in modo molto più aggressivo che in passato.

READ  La fine dell'illusione italiana di Mario Draghi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *