Perché la Meloni riscrive la Costituzione italiana?

“L'assetto costituzionale dell'Italia non è mai stato veramente risolto.”

Tuttavia, l’esplosione dei Democratici Cristiani, insieme ad altri partiti contaminati dalla corruzione negli anni Novanta, ha visto i legislatori mettere ulteriormente alla prova negli ultimi decenni. Applicabili con legge ordinaria, sono state apportate modifiche elettorali Nello specifico Popolare qui. Sebbene alcuni siano stati successivamente dichiarati incostituzionali, ci sono state modifiche al sistema di voto nel 1993, 2005, 2015 e 2017, ciascuna volta generalmente a rafforzare le coalizioni di governo. Al contrario, una riforma costituzionale completa è molto più difficile da realizzare. Grazie all’eredità antiautoritaria del documento del 1948, i sostenitori devono ottenere i due terzi del sostegno in parlamento oppure sottoporre le loro idee a un referendum, cosa che ancora possono fare. alla fine verrà respinto dalla Corte Costituzionale. Anche i politici si sono cimentati, con risultati variabili. Referendum 2020 Taglio Il numero dei parlamentari che hanno approvato, ad esempio, l'iniziativa di Matteo Renzi del 2016 Misurare Il potere senatoriale è stato rifiutato da quasi il 60% degli elettori.

Può Maloney riuscire dove ha fallito? Date ascolto ai suoi detrattori: le sue riforme sembrano trascinare l’Italia nell’era dello stivale. “Utilizzeremo ogni strumento diplomatico a disposizione del Parlamento per opporci ad una proposta che consideriamo pericolosa”. dichiarato Elly Schlein, capo del Partito democratico di centrosinistra, attacca i piani definendoli una “sovversione” della Costituzione e della repubblica. Più come innovazioni legge truffa Anche se i pesi e i contrappesi del documento del 1948 rimasero sostanzialmente in vigore, lo smantellamento costituzionale fu per decenni un punto fermo (certamente famigerato) della politica del paese.

Non meno importante, i progetti di Meloney affrontano problemi reali. Considerata la nota instabilità della politica locale – con 70 governi dal dopoguerra, le amministrazioni italiane hanno una vita più breve rispetto alla media dei topi da laboratorio – il rafforzamento dell’esecutivo sembra giustificato. Se dà credibilità alla riforma Maloney, il partito (o la coalizione) vincente automaticamente Ottiene il 55% dei seggi e anche gli altri suggerimenti sono superficialmente sensati. La capacità del presidente di scegliere il primo ministro, fondamentale per l’Articolo 92, ha occasionalmente portato gli italiani ad avere governi tecnici non eletti. È quello che è successo nel 2021 quando c’era il presidente Mattarella Convocato L’economista e banchiere Mario Draghi ha sviluppato la gestione delle emergenze. Mattarella ha fatto anche altri interventi: nel 2018 lui rifiutato Accettazione di Paolo Savona come ministro delle Finanze a causa delle dichiarazioni anti-euro di quest'ultimo.

READ  🇮🇹 Italia: Angelina Mango pubblica la versione spagnola di "La Noya".

La riscrittura dell'articolo 92 operata da Maloney appare piacevolmente democratica nella misura in cui rafforza il legame tra il primo ministro e il suo pubblico. Dopotutto, ci sono ragioni per dubitare. Si comincia dalla Meloni. Dopotutto, potrebbe ammorbidito La sua politica, le confusioni dell’establishment, ecc., erano allineate Ucraina. Ma essendo un alunno del movimento sociale italiano neofascista e conservando una certa ambivalenza riguardo al governo di Mussolini, alcuni italiani si preoccupano dell’entusiasmo di Meloni per un governo forte, soprattutto considerati i duri precedenti storici.

Questi sono anche messi in ombra da specifiche preoccupazioni legali. Poiché i piani di Meloney non richiedono che i vincitori ottengano un voto minimo, le coalizioni che ottengono il 25% di sostegno possono comunque godere di un aumento dei seggi del 55%. Sebbene i primi ministri eletti direttamente dovrebbero teoricamente provenire dalla coalizione vincente, nulla impedisce espressamente agli italiani di dividere i loro voti tra più partiti. Anche se queste preoccupazioni venissero dissipate, nel frattempo non vi è alcuna garanzia che le riforme di Maloney diventino legge. Come Renzi ha scoperto nel 2016, i dibattiti costituzionali noiosi possono essere facili Spremuto A causa delle preoccupazioni più urgenti degli elettori, come la disoccupazione o l’immigrazione.

Considerando la politica stessa di Meloni – la sua dichiarazione vincente alle elezioni secondo cui gli italiani avranno la possibilità di votare per il loro presidente, non per il loro primo ministro – è ragionevole essere d’accordo con un altro politico dell’opposizione. Chi ha narrato Il suo piano era “disordinato e sciatto”. Ma cosa accadrebbe se le controversie sulla quota di voto e sulle elezioni fossero davvero delle distrazioni e i problemi strutturali dell’Italia non potessero essere risolti da dispute costituzionali?

READ  Lightsource BP co-svilupperà 400 MWp di capacità solare in Italia

Ci sono due modi di pensare a questo. Innanzitutto, tali buffonate legge truffa Tuttavia, per gran parte del dopoguerra la politica italiana fu dominata da alcuni grandi partiti: i socialisti, i comunisti e soprattutto i democristiani, che governarono quasi ininterrottamente. Dal VE Day al 1994. Per dirla in altro modo, il predominio di coalizioni disfunzionali potrebbe essere dovuto a tendenze più ampie, specialmente Declino Politica di classe piuttosto che Costituzione. In ogni caso, la Costituzione italiana del 1948 fu il quadro di riferimento, anche se le alleanze precedenti certamente andarono in pezzi. Miracoli economici erano disegnati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *